Rimini e la vetrata in frantumi alle Celle: “Siamo avviliti, mancano i controlli”

«Siamo molto preoccupati, a questo punto ci aspettiamo di tutto». Stefano Orlandi, il proprietario del negozio “Bottega di quartiere” delle Celle, a pochi passi dalla Coop, ieri mattina alle 7 ha ricevuto la chiamata della commessa che lo informava che la vetrata era andata in frantumi. Qualcuno, per la seconda da volta dallo scorso marzo, aveva danneggiato la sua attività. «Non abbiamo idea di chi possa essere stato, nessuno mi ha mai “chiesto” o detto niente – afferma, restando vago – qui non ci sono le telecamere, anche se abbiamo fatto più volte richiesta di metterle, perché questa zona, la sera, ultimamente è frequentata da gente poco raccomandabile».
Secondo quanto racconta il commerciante, nel quartiere Celle, nelle ultime settimane si sono verificati altri episodi di danneggiamento. «È stato colpito anche il bar, poco tempo fa», spiega, raccontando che se dentro al suo negozio, dopo l’incursione notturna, non manca nulla, quello che adesso emerge sono soprattutto i danni da pagare per sistemare gli infissi e la vetrata. «Almeno 1.800 euro di danni – racconta – dal negozio, e di soldi, per fortuna però non hanno portato via nulla. Non abbiamo l’abitudine di tenere il fondo cassa lì la notte».


«Mancano i controlli»

È solo del 15 marzo il precedente “attacco” al negozio di via Dell’Edera. In quell’occasione, nel negozio si era sviluppato un principio di incendio. Un fatto che sebbene non avesse apportato ingenti danni all’attività commerciale, «aveva messo in allerta le forze dell’ordine». «Per un paio di settimane – racconta Orlandi – i carabinieri giravano per il quartiere, presidiando un po’ la zona, ma poi con il passare del tempo la loro presenza si è diradata, fino a scomparire. E oggi siamo punto a capo». Il timore, infatti, è che eventi del genere possano ripetersi. «So che è stato rotto qualche vetro anche in zona Villa Maria. Ormai siamo avviliti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui