Rimini e la gestione dei “sanitari no vax”

Medici di base sommersi da impegni, burocrazia e richieste «e ora ci sono da gestire anche le esenzioni dei sanitari che non possono o non vogliono vaccinarsi». A sottolineare le difficoltà della categoria è il dottor Corrado Paolizzi, consigliere di Fimmg, sindacato dei medici di medicina generale.
«Dal primo aprile, quando è entrato in vigore il Decreto legge 44, è nostro compito anche accertare nei sanitari non vaccinati l’esistenza di patologie che non sono compatibili con la vaccinazione» spiega Paolizzi, «mi chiedo: perché? I vaccini contengono già una scheda con le patologie a rischio e i pazienti che ne soffrono dovrebbero essere già seguiti e noti». Senza contare che c’è anche chi «si presenta con delle patologie che non rientrano tra quelle segnalate chiedendo comunque l’esenzione. Ovviamente un medico non la può concedere»

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui