Rimini, dragaggio dell’imboccatura del porto canale: via libera ai lavori

Approvati dalla Giunta comunale il progetto di fattibilità tecnica ed economica per le operazioni di dragaggio dell’imboccatura del porto canale di Rimini. Una manutenzione straordinaria finalizzata al mantenimento della funzionalità del canale che è delegata ai comuni da una legge regionale del 1976 a cui spettano i compiti di progettazione e realizzazione delle “Opere Portuali” ricadenti nei rispettivi territori.
Il progetto prevede il dragaggio di circa 10 mila metri quadrati di materiale nell’area dell’imboccatura del porto, al fine di agevolare il transito delle imbarcazioni. Un passaggio che è messo in difficoltà, soprattutto nelle fasi di bassa marea, in quanto si creano problemi di pescaggio per le imbarcazioni a causa del deposito di sedimenti sabbiosi nella zona dell’imboccatura, con conseguente pericolo per le imbarcazioni stesse e per il personale imbarcato.  L’intervento è subordinato al rilascio da parte della Regione Emilia Romagna della consegna delle Aree Demaniali Marittime e a ulteriori autorizzazioni e certificazioni degli organi competenti, attestanti la caratterizzazione dei materiali sabbiosi ai fini della loro gestione.
Il progetto che avrà un costo complessivo stimato di circa 200 mila euro è finanziato per l’80% dalla Regione Emilia Romagna e per il restante 20% a carico del Comune. L’intervento fa parte del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2022/2024 e rientra nella programmazione dei lavori del 2022. L’esecuzione del dragaggio è programmata dopo la stagione estiva nel periodo autunnale e si concluderà entro la fine del 2022

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui