Rimini, deve scontare 18 anni per sequestro e violenza sessuale: arrestato latitante

Nel pomeriggio di ieri gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Rimini e i militari della Tenenza Carabinieri di Cattolica hanno tratto in arresto un cittadino albanese di 46 anni, destinatario di due distinti ordini di carcerazione per un totale di più di 18 anni di reclusione. Il 46enne, infatti, è stato condannato a 17 anni di reclusione per un sequestro di persona a scopo di estorsione avvenuto a Saludecio nell’ottobre del 1999 e ad 1 anno, 2 mesi e 16 giorni di reclusione per violenza sessuale e favoreggiamento della prostituzione commessi nel 1998.

Evidentemente consapevole delle due condanne pendenti a suo carico, nella primavera dello scorso anno il soggetto è rientrato in Italia con un altro nome, circostanza questa che gli ha consentito di sfuggire alla cattura in occasione di alcuni controlli effettuati in varie parti del territorio nazionale.

Grazie ad una mirata attività investigativa è stato individuato il suo domicilio e nella mattinata di ieri è stato predisposto un servizio di osservazione congiunto per monitorare i suoi spostamenti. Il 46enne, sicuro di poter sfuggire ancora una volta alla cattura, a seguito di espressa convocazione si è recato in Questura per fornire alcuni chiarimenti circa una denuncia sporta dalla moglie, residente anche lei in provincia. All’esito della sua identificazione, quindi, è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale per l’espiazione delle due condanne.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui