Rimini, dal Comune 400mila euro per le scuole paritarie

Quella del mondo delle scuole di infanzia paritarie rappresenta una parte importante e irrinunciabile del sistema educativo pubblico/privato riminese. A loro, la giunta del Comune di Rimini ha confermato il contributo di 400 mila euro, andando a sostenere 45 sezioni di una ventina di strutture presenti su tutto il territorio comunale. Un sistema di offerta duramente colpito dal combinato disposto di denatalità e aumento dei costi energetici,  e che già prima era stata provato dagli effetti della pandemia sanitaria. I contributi saranno concessi sulla scorta di una convenzione in cui sono previste anche la formazione degli insegnanti di scuola infanzia, e il consolidamento del sistema coordinato di iscrizioni alle scuole per l’infanzia e l’accoglienza anche nelle scuole paritarie di bambini con disabilità che necessitano di educatore, con le modalità di intervento corrispondenti a quelle previste per le scuole statali. “Una conferma  – spiega Chiara Bellini, vice sindaca del Comune di Rimini –che va nella direzione di favorire una gestione più efficace dell’offerta didattica all’interno del sistema integrato, attraverso una integrazione didattica, sociale e informatica. Si tratta di un sostegno pensato per le famiglie, in maniera tale che gli aumenti dei costi per i gestori, legati ad esempio al caro bollette, non ricadano nelle tasche dei genitori.  L’obbiettivo è quello di sostenere il sistema pubblico e convenzionato di offerta, in grado di mettere le famiglie nelle condizioni di poter scegliere tra servizi diversi ma con la stessa attenzione alla qualità”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui