«Hai visto che succede delle volte alle persone con l’acido?… certo che con l’acido a uno lo puoi rovinare…». Quella frase poteva non essere un semplice commento a un fatto di cronaca, ma una velata minaccia. Così almeno l’ha interpretata la donna che è corsa dai carabinieri della stazione di Misano Adriatico a denunciare l’ex compagno che negli ultimi tempi, oltre che ossessivo si stava facendo anche minaccioso. «Ho paura che possa farmi del male». Il giudice per le indagini preliminari Vincio Cantarini, valutati gli elementi di riscontro raccolti dai militari dell’Arma, ha disposto per l’uomo – un imprenditore cattolichino di 59 anni – il divieto di avvicinamento. Dovrà rimanere alla larga della ex compagna: almeno 500 metri di distanza, evitando di comunicare con lei e frequentare i luoghi dove la ex va abitualmente per lavoro o svago.
La donna, che è assistita dall’avvocato Diego Pensalfini, stando alla querela che risale a circa un mese fa, subirebbe da tempo comportamenti descritti come «molesti, petulanti e vessatori» da parte dell’uomo. La relazione è finita da un pezzo (lei gli rimproverava una gelosia morbosa e una meticolosità maniacale), ma lui non ha ancora accettato la fine della relazione. Tanto che continuerebbe a pedinarla, sia al lavoro sia al mare e a offenderla pubblicamente, anche all’interno di locali pubblici, con parole davvero pesanti, come confermano anche i testimoni. Le uniche ripetibili? «Adescatrice di uomini» e «fannullona». La donna lamenta anche il fatto che lui va dalle sue amiche e racconta loro le confidenze che l’ex compagna gli faceva quando erano insieme. Il tutto con l’idea di metterla in cattiva luce ai loro occhi. Nonostante le allusioni all’acido, va detto però che l’uomo, ovviamente indagato per stalking, non si è mai sognato di essere violento con la donna né reso responsabile di atteggiamenti aggressivi.

Argomenti:

acido

ex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *