Un dehors a Rimini

RIMINI. “L’Amministrazione comunale e la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio condividono pienamente sulla necessità del rispetto dell’integrità, della bellezza e del carattere identitario del centro storico”, si legge in una nota di Palazzo Garampi. “È questo il motivo che rende indispensabile il rispetto delle regole e delle misure di protezione e esaltazione di questi valori, condivise da Comune e da Soprintendenza, con lo scopo ultimo di avere a disposizione strumenti che agevolino l’integrazione armonica tra forme di espressione delle attività economiche, come gli esercizi pubblici, e lo spazio urbano, valorizzando la bellezza della nostra città e, in particolare, degli spazi e degli elementi con il maggior carico di storia e il maggior pregio”. È questa la direzione che sta seguendo il tavolo operativo, che vede Comune e Soprintendenza collaborare per la verifica dell’efficacia del regolamento sui dehors del centro storico. “Particolare attenzione è rivolta ad un punto nevralgico del centro, la Vecchia pescheria, un luogo tra i più identitari e cari ai riminesi, un luogo nel quale insistono numerose attività, che lo hanno reso fatto un punto particolarmente frequentato”. L’obiettivo è arrivare ad un coordinamento organico degli elementi di arredo, come tavoli, sedie e tende, con particolare attenzione a tutelare la tipologia delle facciate storiche. Allo stesso tempo, “si sta procedendo nella direzione di agevolare gli operatori economici che intendono rispettare le previsioni regolamentari, snellendo i passaggi burocratici, attraverso un rinnovo pluriennale dei permessi, con un conseguente evidente risparmio di tempo, procedure e, non da ultimo, di costi per gli operatori stessi”. Una modalità di approccio e di intervento che caratterizzerà sempre più l’armonia tra un centro storico riqualificato e arricchito da nuovi contenitori e servizi culturali e la sua corretta e piena fruizione. La Soprintendenza si sta già muovendo su questo fronte ed ha già concesso rinnovi con durata pluriennale a chi si è adeguato alle linee indicate da Comune e Soprintendenza.

Argomenti:

comune

dehors

rimini

Soprintendenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *