protesta associazione contro violenza alle donne durante processo butungu rimini rn 2017

Feroce, seriale, consapevole e mai pentito. Guerlin Butungu, il “capo branco” accusato del doppio stupro di Rimini del 26 agosto 2017, non meritava attenuanti ed è quindi legittima la scelta dei giudici di merito che gliele hanno negate sia in primo grado sia in appello. È quanto scrive la Cassazione nella sentenza depositata ieri nella quale vengono spiegate le ragioni della conferma della condanna a sedici anni di reclusione, risalente al 12 dicembre scorso. Erano stati i giudici della seconda sezione penale della Suprema corte a ribadire la legittimità del verdetto nei confronti del giovane congolese riconosciuto colpevole di avere violentato insieme a tre complici minorenni una ragazza polacca, massacrato di botte l’amico e violentato successivamente una transessuale peruviana.

I particolari sul Corriere Romagna in edicola

Argomenti:

butungu

Cassazione

motivazioni

stupro

Roberto Masini
About the Author

Direttore responsabile. Riminese, classe 1964, tra i soci fondatori che diedero vita all'esperienza del Corriere Romagna nel 1993.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *