Rimini: caserma Giulio Cesare, l’addio dei militari

RIMINI. Caserma “Giulio Cesare”:  ieri la cerimonia di commiato del 2° gruppo del 121° gruppo. Il ricordo della vicesindaca Lisi: “Una storia profondamente intrecciata con quella della nostra città”. Nel pomeriggio, all’interno della caserma “GiulioCesare”, la cerimonia in armi, alla presenza della Bandiera di Guerra del 121° reggimento, con la partecipazione delle massime autorità militari e civili locali. In serata, il saluto alla città, a cui il gruppo di Artiglieria è profondamente legato, con il concerto aperto alla cittadinanza della Banda dell’Artiglieria Controaerei, nella piazza Francesca da Rimini.

“Una cerimonia toccante – ha ricordato Gloria Lisi – per salutare un Gruppo di grandi professionisti che, dal dopoguerra ad oggi si è profondamente legato alla nostra città. Tanti giovani, da ogni parte di Italia, hanno svolto servizio alla “Giulio Cesare” e molti di loro hanno fatto carriera e hanno creato la loro nuova famiglia a Rimini. Tanti i riminesi, io sono tra quelli, ci sono passati davanti per tanti anni, chiedendosi cosa succedesse all’interno, buttando un occhio alla statua semi nascosta di Giulio Cesare. La festa è stata anche un momento di apertura alla città che per tanto tempo ha ospitato questo spazio nascosto ma così importante per la nostra sicurezza di tutti i giorni. E’ stata una grande emozione poterlo finalmente visitare e scoprire che, dentro, ci sono militari e persone di grande preparazione professionale ed umanità. Tanti gli aneddoti; in particolare mi ha colpito quello di un militare che, in un momento di riposo fuori servizio, si spinse immediatamente ad aiutare un senza fissa dimora, la cui coperta stava andando a fuoco, lanciandosi con il suo cappotto a spegnere le fiamme. Sono gesti di eroismo quotidiano e fuori dai riflettori che hanno caratterizzato questo luogo. Ecco perchè ieri, insieme alle autorità, era tutta la nostra comunità, idealmente, ad abbracciare e ringraziare questo pezzo di storia riminese che ci saluta”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui