Rimini, canone salito del 900%. Publiphono porta il Comune a giudizio

RIMINI. Troppo salato il conto da pagare per il canone demaniale, la Publiphono non ci sta e porta in tribunale il Comune. La prima udienza sarà il 25 ottobre prossimo: le parti in causa contrapposte saranno la società che a Rimini si occupa di fonodiffusione lungo 15 chilometri con 150 altoparlanti e Palazzo Garampi. Con quest’ultimo che in realtà ha esclusivamente il compito di quantificare e richiedere l’importo dei canoni nel rispetto delle leggi e delle circolari ministeriali, ma che allo stesso tempo deve “mettere la faccia” al posto dello Stato dato che esercita la cosiddetta funzione amministrativa. A innescare le carte bollate un aumento del 900% del canone passato da 3mila a 30mila euro.

I dettagli nel Corriere Romagna oggi in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui