Rimini. Cani antidroga cercano spacciatori tra parchi e Metromare

RIMINI Parchi, stazione e lungofiume sono stati passati al setaccio dal reparto cinofilo in forza alla Polizia Giudiziaria di Rimini, che ha portato a termine un vasto servizio di controllo, a contrasto del degrado urbano e dello spaccio di sostanze stupefacente. Con l’ausilio delle unità cinofile al completo – Bruce e Jago, i cani specializzati nella ricerca di sostanze stupefacenti e, Pablo e Thor, addestrati per l’ordine pubblico e la sicurezza – gli agenti della Polizia Locale sono stati impegnati nel monitoraggio di alcune aree sensibili oggetto di diverse segnalazioni da parte dei residenti. Quest’ultimo servizio si è concentrato in diverse zone della città, a partire dalla stazione ferroviaria, Borgo Marina, per poi passare ai parchi Cervi, Madre Elisabetta Renzi e lungo il tracciato del metromare. Zone dove è stata più volte segnalata la presenza di persone dedite allo spaccio e per i quali la presenza delle unità cinofile rappresenta un forte deterrente, oltre che elemento di sicurezza per gli agenti impegnati. Nel corso del controllo sono state rinvenute due dosi di marijuana e hashish e un paio di dosi di eroina, oltre a tutto il materiale utile per il confezionamento. Sono inoltre state identificate due persone, cittadini tunisini, già note alle forze dell’ordine per spaccio.

Una specifica operazione inoltre è stata condotta sul lungo gli argini del fiume Marecchia, tra Rivabella e San Giuliano. Il controllo ha interessato anche i capanni da pesca presenti sul lungofiume, uno dei quali era stato trasformato in dormitorio abusivo. Il capanno è stato sgomberato e a breve si interverrà con il supporto di Hera per ripulire tutta l’area sottostante dal materiale abbandonato. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui