Rimini. Campo nomadi, ora tutti ripudiano le microaree

Il futuro del campo nomadi di via Islanda movimenta la campagna elettorale. Per quattro anni il dibattito è ruotato intorno alla creazione di cinque microaree in cui installare le famiglie sinti: un progetto che però, la passata amministrazione, non è riuscita a mettere in atto per le forti resistenze incontrate sia su tutto il fronte politico, ma anche degli stessi nomadi. Numerosi comitati cittadini erano inoltre insorti nelle varie aree della città in cui si sarebbero dovuti insediare i nomadi. L’articolo completo sul Corriere Romagna in edicola.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui