Rimini, Borgo Marina: minacce e danni, perseguitato sotto casa

Danni all’auto e pesanti minacce ogni volta che esce di casa. L’ex assessore provinciale Vincenzo Mirra denuncia una situazione divenuta ormai insostenibile nella zona di Borgo Marina, a causa di ubriachi e persone moleste e più in generale di un degrado urbano sempre più difficile da sostenere.

Mirra che abita in via Vittime civili di guerra, nei pressi della biblioteca dell’Università, racconta: «Giovedì scorso, alle 9.20 di mattina, dopo aver parcheggiato l’auto sotto casa sono stato aggredito verbalmente da un ragazzo di colore. Mi ha apostrofato e detto Ti spacco la faccia, ma non ho reagito». Poche ore dopo, verso mezzogiorno, l’insulto si fa più pesante: «Stavo tornando a casa con mia figlia, invalida gravissima di 38 anni, dopo averla lasciata da mia suocera. Sempre il solito giovane mi attacca: tua figlia è così perché te sei bacato nel cervello. A quel punto non ci ho visto più, puoi prendertela con me ma non certo con mia figlia invalida: sono sceso dall’auto mi sono avvicinato e gli ho scattato una foto. Per tutta risposta lui mi dice “andiamo fuori, in strada”, il che la dice lunga sulla lucidità della persona, e fa per cercare qualcosa nello zaino. Ho temuto che avesse un coltello e sono tornato verso l’auto. Poi sono intervenute una decina di persone, ci hanno diviso e a quel punto il tipo è andato via».

Così Mirra decide di scrivere una lettera al sindaco Gnassi, all’assessore Sadegholvaad e al comandante della polizia locale Rossi per denunciare questi fatti «di una gravità assoluta».

L’ex assessore venerdì si è presentato alle forze dell’ordine per sporgere denuncia: «La sera stessa mi trovo l’auto rigata sul lato sinistro della fiancata e il tergicristallo destro letteralmente strappato».

Ma non è finita perché sabato pomeriggio lo scontro continua: «Alle 15 trovo il solito tizio davanti a casa. Allora chiamo i carabinieri che lo fermano e lo identificano. Ora spero di non avere più a che fare con lui».

L’ex assessore Mirra sottolinea: «Voglio far conoscere questa situazione, perché nel quartiere siamo davvero stanchi, viviamo un degrado urbano sempre più insostenibile. Sta diventando un problema anche buttare i rifiuti perché i cassonetti sono diventati la latrina di un gruppo di sbandati che staziona sempre in questa via. La zona è piena di ubriachi, malgrado ciò qui non viene applicata l’ordinanza del sindaco contro l’ubriachezza molesta. Il sindaco Gnassi ha lavorato bene ma sul fronte della sicurezza qualche pecca c’è».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui