Rimini. Bimbo morto, dopo 18 mesi niente perizia: medico indagato

Un medico-legale, consulente di giudici e pubblici ministeri anche in altri parti d’Italia, è indagato per rifiuto e omissione di atti di ufficio per il mancato deposito delle conclusioni riguardanti l’autopsia di un bambino morto a Rimini, a soli due anni di età, dopo essere stato dimesso dall’ospedale. Incomprensibilmente lo stimato professionista, che vive e lavora in Liguria dove ha incarichi di responsabilità, nonostante i ripetuti solleciti, a distanza di un anno e mezzo dall’incarico non ha ancora depositato le sue valutazioni sulla vicenda. L’inchiesta giudiziaria, coordinata dal pubblico ministero Davide Ercolani, si è conseguentemente arenata. Una situazione inaccettabile per i familiari del bambino, comprensibilmente afflitti da un dolore insanabile, ma anche dalla rabbia per i ritardi. Il padre Riccardo Vendemini nei mesi scorsi ha rotto il suo dignitoso silenzio. Vuole sapere di che cosa è morto Alessandro. Sia la procuratrice Elisabetta Melotti sia il magistrato titolare delle indagini hanno scritto e telefonato all’anatomopatologo, scelto fuori piazza per evitare conflitti di interesse, ma alla fine evidentemente non è restato altro da fare che aprire un’indagine proprio su di lui. Con il medico si sono fatti avanti via via anche l’avvocato Massimiliano Orrù che tutela i genitori, e perfino i difensori dei cinque indagati, medici e sanitari dell’ospedale “Infermi” di Rimini, raggiunti da tempo da informazioni di garanzia e a loro volta vittime di una situazione “sospesa”. Niente di paragonabile, ovviamente, alla drammatica condizione dei genitori del piccolo. «Così ci viene negato il diritto ad avere giustizia – si è espresso pubblicamente il padre – e a provare ad andare avanti con una vita che non è più la stessa e non sarà mai più facile». La stranezza della situazione alimenta i peggiori sospetti, specie dopo le “bufale” circolate subito dopo la morte del piccolo che parlavano a sproposito di fantomatiche malattie ereditarie, in realtà inesistenti. «Forse dall’autopsia ha trovato qualcosa di scomodo, una verità che sarebbe meglio non rivelare? – si domanda la famiglia Vendemini – Però questo non gli dà il diritto di bloccare le indagini. Io voglio giustizia per mio figlio e rispetto per Alessandro». A Rimini c’è un precedente analogo: una dottoressa, chiamata a rispondere della mancata consegna delle conclusioni di un’autopsia, finì a processo. Il magistrato che l’aveva nominata come propria consulente dopo un’attesa durata anni aprì infatti un procedimento a suo carico che si concluse con una condanna in primo grado a quattro mesi di reclusione. L’imputata per giustificarsi, in quel caso, aveva fatto cenno all’intrusione di un pirata informatico nel suo computer.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui