RIMINI. Alla sua sesta edizione Beer Attraction cambia in Beer&Food Attraction, un’evoluzione sottolineata dal nuovo payoff, “the eating out experience show”, che rimarca la capacità dell’evento di unire l’intera filiera delle esperienze del mangiare fuori casa e di attirare sempre di più gli operatori di tutto il mondo dell’“out of home”. Tutto il meglio dell’offerta nazionale e internazionale di birre artigianali e speciali e del beverage si ritrova da domani al 18 febbraio alla Fiera di Rimini. Si allarga il core business della manifestazione, dedicata agli operatori professionali, che propone un’offerta completa dell’intera filiera, con 1000 marchi presenti e 100 buyer provenienti da 35 Paesi. Si spazia dall’universo delle birre di qualità, nazionali e internazionali, al mondo del food per il fuoricasa, fino alle nuove tecnologie del food delivery e alle idee più innovative per l’arredamento per i locali.

Novità e tendenze

Beer&Food Attraction si conferma riferimento di un comparto dove il mondo delle birre e delle bevande dialoga con quello food, per proporre a tutti gli operatori dell’out of home un’esperienza unica. Si consolida come piattaforma per tutti i nuovi e contemporanei modi del bere e mangiare fuori casa, anticipando le esigenze del mercato dei prossimi anni e lanciando tendenze e novità. Non è un caso che Löwengrube, la nota catena italiana di ristoranti birreria, che promuove lo stile originale della bierstube bavarese con oltre 25 punti vendita in franchising, abbia scelto proprio Beer&Food Attraction, dove sarà presente con il suo Löwengrube Wagen, esempio lampante della rivoluzione bavarese dello street food.
Decine gli eventi dedicati al food, dalle sfide della grande cucina regionale italiana agli show cooking con cuochi e pizzaioli di livello mondiale: il quartiere fieristico farà da palcoscenico ai grandi cuochi della Federazione Italiana Cuochi, che sceglie ancora una volta la riviera per i suoi Campionati della cucina italiana, ma anche a grandi nomi del panorama della pizza, con l’evento Pizza Experience. Da non perdere gli show cooking e i talk della scuola dei Mestieri del Gusto di Cast Alimenti.

Spesa per l’“out oh home”

Il nuovo brand che unisce birra e cibo riflette l’aumento della spesa degli italiani per il mangiare fuori casa. Nel 2019 si è assestata sugli 86 miliardi di euro con una crescita dello 0,7% sul 2018. Un trend che prosegue se si considera che in 10 anni la spesa degli italiani per mangiare fuori è aumentata di 4,9 miliardi. Il 62,5% cena fuori almeno una volta al mese. Soprattutto si sceglie la pizzeria, ma in un caso su tre la spesa media è di poco inferiore ai 30 euro a persona. Di pari passo crescono consumi, fatturati e occupazione nel settore birra. Nel 2018 i consumi di birra in Italia sono stati di oltre 20 milioni di ettolitri (+3,2% sul 2017); si ritiene che oggi il 77% degli italiani consuma birra e lo fa soprattutto durante i pasti. Anche nel corso del 2018 si è assisto allo sviluppo del comparto delle birre artigianali legato ai microbirrifici che coinvolgono soprattutto i giovani: si stima che in Italia operino 1.008 strutture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *