RIMINI. I classici “Forza Marr” o “Marr, Marr superstar” da far tremare il Flaminio o il più poetico striscione “naufragar in questo biancorosso… Marr”. Erano gli slogan più gettonati al tempo dei fantastici anni in cui i Magazzini Alimentari Riuniti Riminesi campeggiavano sulle canotte della squadra e negli anglofoni attuali, lo storico Marr sarebbe un brand diffusissimo. La dimostrazione lampante dell’affetto, della passione e dei ricordi è il sondaggio lanciato dal “Corriere Romagna” concluso dopo oltre 10.000 voti. Tra giocatori, coach e sponsor, i primi due, storici anni di A1 sono ancora vivi, anzi attuali. Le annate 1984/85, quella del colpaccio di Milano al debutto, del 4/4 contro le bolognesi, degli scalpi preziosi al Flaminio contro Trieste, Cantù, Roma e Livorno, e quella 1985/86, con i primi play-off scudetto, hanno spopolato nelle nostre classifiche. Il quintetto doc è Benatti, Myers, Dal Seno, Johnson e Wansley, il coach Piero Pasini che ieri ha compiuto 78 anni e lo sponsor Marr. L’unico “escluso” di quell’intoccabile starting five è Giorgio Cecchini che aveva di fronte due “mostri sacri” come Myers e Middleton.

Playmaker

Il più votato in assoluto è il “Cit” Maurizio Benatti e c’erano pochi dubbi: 47,21% la percentuale. Negli ultimi tre giorni ha allungato su Mauro Morri (21,32%) che si è preso il lusso di tenere dietro German Scarone (14,17%), quindi Angeli, Beshore, Valentine, Calbini, Francescatto, Raschi Marcelinho, Ingles e Paci.

Guardia

Ci si aspettava più battaglia in un ruolo dove ultimo è arrivato Roderick. Invece Myers ha sbaragliato la concorrenza dall’alto del suo 38,30% (frutto del famoso record di 87 punti), con Middleton al 12,12% e Cecchini al 9,70%. Seguono Ferro, Gorenc, Granger, Tassinari, Ambrassa, Lamp, Romboli, Sylvester e Roderick.

Ala

Un po’ a sorpresa la vittoria di Silvano Dal Seno primo col 20,36%: il favorito sembrava Alex Righetti che si è fermato al 18,77% e comunque davanti a “cavallo pazzo” Buford con il 13,92%. Seguono Ferroni, Crow, Zampolini, Ottaviani, Filloy, Thomas, Smith, Giovannoni e Pickett.

Ala-pivot

Reggie Johnson il più grande americano di Rimini? Probabile. Uno che ha vinto l’anello in Nba con i Sixers domina anche il sondaggio riminese con il 30,40% delle preferenze. Primo degli “umani” Massimo Ruggeri con il suo 14,47% davanti a Tusek, un mai dimenticato Maurizio Borghese, poi Terenzi, Fox, Branson, Sekunda, Sims, Gabini, Wylie e Polynice, che paga come tutti i suoi compagni l’anno pessimo in maglia Hamby.

Pivot

Giù il cappello davanti a Wansley perché non era facile battere Howard: 20,29% per Ernesto, 16,20% per Otis che si mette alle spalle Chandler, Tommy Rinaldi, Israel, Collins, Vecchiato, Semprini, Tomidy, Guarasci, Gonzalez e Goode.

Allenatore

Pasini-Bucci-Bucchi: in tre hanno catturato il 60% dei voti, ma il “Topone” non si batte con il suo 25,07% davanti al 20,50% del compianto Alberto e il 14,06% di Pierino. Ticchi, Bernardi, Carasso in fila davanti ad Ambrassa, Rossi, McMillen, Sacco, Didin e Maghelli.

Sponsor

C’erano dubbi? No. Due promozioni in A1, una in A2, logico che Marr abbia sfiorato il 50% (49,65%). Giusto anche il secondo posto della Pepsi europea (13,99%) e dietro Conad un significativo quarto posto per la Sarila che ricorda la prima, storica, promozione in serie A.

Tutti i risultati:

Argomenti:

basket rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *