Rimini, Bartoli registra disco di una collega al teatro Galli

Rimini e Cecilia Bartoli sono ormai indissolubilmente legate alla inaugurazione del ricostruito teatro Galli, il 28 ottobre 2018, serata di cui la soprano fu la star indiscussa. Ora Bartoli, in veste di produttrice, ha registrato proprio al Galli l’album “Rhapsody”, uscito da pochi giorni per l’etichetta internazionale Decca Classics. È il debutto in studio della mezzosoprano franco-armena Varduhi Abrahamyan e secondo progetto “Mentored by Bartoli”, una serie di registrazioni prodotte dalla fondazione musicale creata dalla stella mondiale della lirica che si propone di supportare, consigliare e guidare alcuni tra i più talentuosi artisti nella realizzazione di nuove registrazioni e presentarli alla ribalta internazionale. E per questo suo nuovo impegno artistico, Cecilia Bartoli ha scelto ancora una volta di “tornare a casa”, nella Rimini della sua famiglia.

«Abbiamo registrato l’album “Rhapsody” al Galli di Rimini – racconta Bartoli – perché ho avuto un’ottima impressione del luogo, dell’acustica, dell’ambiente in generale e della sua squadra straordinaria. Erano quindi le condizioni perfette per continuare la collaborazione con un nuovo progetto di registrazione prodotto.

Insieme alla solista Varduhi Abrahamyan, al direttore Gianluca Capuano e all’orchestra Les Musiciens du Prince di Monaco abbiamo passato intensi giorni di lavoro a Rimini. L’album è dedicato alla grande mezzosoprano Pauline Viardot, il cui duecentesimo compleanno si celebra nel 2021, ed è stato distribuito dall’etichetta internazionale Decca».

«È stato un privilegio accogliere nuovamente una delle più belle voci della lirica mondiale, nonché un’amica del nostro teatro, per questo progetto che vede Cecilia Bartoli affiancare e guidare alcuni nuovi talenti della musica – sottolinea l’assessore alla Cultura Giampiero Piscaglia –. È l’ennesimo attestato del grande lavoro fatto in termini di acustica nella progettazione e ricostruzione del teatro ed è l’occasione ancora una volta per presentare alla platea internazionale Rimini come città di arte e cultura».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui