Rimini. Assalto ai parrucchieri: “Stiamo aperti anche domenica”

Temendo il passaggio in zona rossa, ancora prima che se ne avesse la certezza, i riminesi si sono precipitati dal parrucchiere. Preoccupati di veder crescere a dismisura capelli e ricrescita, uomini e donne hanno chiamato l’hair stylist di fiducia per farsi dare la “lavata di capa” necessaria ad affrontare le due, o forse più, settimane di chiusura dei negozi di parrucchiera. Intanto per accontentare più clienti possibili, vista la chiusura stabilita a partire da lunedì, i parrucchieri annunciano che terranno aperti i negozi anche la domenica.

«C’è l’assalto – conferma Enrico Boldrini, titolare dei saloni I Boldrini – e stiamo cercando di accontentare più clienti possibili, allungando gli orari di apertura e soprattutto lavorando anche la domenica». «Ma praticamente abbiamo riempito tutti gli appuntamenti», aggiunge il parrucchiere, che alle 13 di ieri pomeriggio dava già per esaurita quasi tutta l’agenda di domenica. I trattamenti più richiesti, spiega il parrucchiere, sono quelli di «colorazione generale, le meches e i tagli». «Hanno avuto l’esperienza del lockdown precedente – chiarisce – e anche se la gente si è resa conto di potersi fare la tinta da sola, sa che è molto più complicato, preferisce mettersi in ordine prima». Squilla il telefono incessantemente anche da “Testa clà”. «Cerchiamo di fare più persone possibili tra sabato (oggi, ndr) e domenica», diocno dal negozio, spiegando che i clienti «lo dicono esplicitamente: “Vogliamo venire perché abbiamo paura che chiudiate». Assalto, ma «controllato», anche dalle parrucchiere Sensation di Viserba, dove la titolare Anna Farina precisa, «controllato da me». «Ci stanno chiamando tantissimi clienti – spiega l’imprenditrice – e tentiamo di accontentarli tutti, sempre compatibilmente con le regole dei protocolli, e dando precedenza a chi aveva trattamenti particolari già programmati per la prossima settimana». Proprio per riuscire ad accogliere più persone possibili, anche da Sensation si sono organizzati facendo turni più ampi oggi, e tenendo aperto domani. «Le ricrescite sono una delle urgenze più comuni», conferma la parrucchiera Anna, «e adesso pensiamo a come riorganizzarci per quando riapriremo». L’incognita più grande, infatti, è quella della riapertura. «Chissà se saranno davvero due settimane o riapriremo dopo Pasqua», dice la donna, chiarendo però di essere pronta ad affrontare l’“ondata” di clienti quando si potrà tornare a fare colori e tagli. «Memore del precedente lockdown – spiega – ho deciso che sarò io a riorganizzare l’agenda, contattando i clienti e proponendo loro gli appuntamenti, in modo da fare tutto nel modo più ordinato possibile». ERIKA NANNI

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui