Rifiuti speciali a Forlì, il caso Ecoeridania arriva in Parlamento

FORLÌ. Il caso dell’inceneritore per i rifiuti speciali Ecoeridania arriva in Parlamento. Dopo che lo scorso dicembre nelle torri di raffreddamento sono stati rilevati batteri di legionella oltre i limiti, i pentastellati hanno presentato un’interpellanza a Roma. «Siamo stati gli unici, è necessario capire come sta evolvendo la situazione e soprattutto è importante limitare i danni», dice il deputato dei grillini Carlo Ugo De Girolamo che, insieme a Fabio Berardini, Ilaria Fontana e Alberto Zolezzi, era ieri a Forlì.

«C’è stato uno sforamento importante, qui si è passati dallo smaltimento di 32 mila tonnellate di rifiuti speciali a 35mila – chiarische Zolezzi -, è necessario passare alla sterilizzazione in sito così da ridurre i costi e i rischi. «Ogni Ausl dovrebbe dotarsi di un piano per avere nei propri ospedali uno sterilizzatore – dice il candidato del M5Stelle alla presidenza regionale, Simone Benini -. L’Emilia Romagna risparmierebbe centinaia di euro a tonnellata da poter reinvestire nella sanità. A Forlì anche l’inceneritore dei rifiuti urbani ha sforato il limite delle 120mila tonnellate da bruciare. Presenteremo un’interrogazione in consiglio comunale».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui