Riccione, stretta sulle sale slot: dal Comune sette avvisi di chiusura

RICCIONE. Dopo la mappatura dei luoghi sensibili dove non è più possibile, entro 500 metri, aprire nuove sale bingo e sale scommesse, né installare nuove macchinette negli esercizi pubblici, il Comune di Riccione ha fatto partire una quarantina di lettere di avviso, tra le quali sette di chiusura, indirizzate alle attività che hanno al loro interno apparecchi da gioco. Dovranno decidere se spostare la propria sede o eliminare le slot machine dal loro locale. Si tratta di attività non esclusive che si trovano a una distanza inferiore ai 500 metri rispetto ai luoghi sensibili previsti, come istituti scolastici di ogni ordine e grado, luoghi di culto, impianti sortivi, strutture residenziali o semiresidenziali in ambito sanitario e sociosanitario, strutture ricettive protette, luoghi di aggregazione, ed altri.

L’articolo nell’edizione di oggi del Corriere Romagna

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui