Riccione, si ustiona pulendo il carburatore della motosega con la sigaretta accesa

Pulisce il carburatore della motosega con la sigaretta accesa, la benzina prende fuoco e si ustiona a braccia, torace e volto. Singolare incidente domestico quello andato in scena ieri in un capanno per gli attrezzi nel giardino di un’abitazione tra i viali Sicilia e Pachino, zona residenziale di Fontanelle. Protagonista della vicenda un 60enne descritto dalla moglie come un accanito tabagista. E proprio questo vizio gli stava per costare la vita.
Erano le 11,30 circa quando è andato nel capanno ricovero di tutti i suoi attrezzi: doveva fare un piccolo intervento di manutenzione alla motosega con cui nel pomeriggio avrebbe dovuto tagliare della legna. Un’operazione banale che però, come detto, avrebbe fatto tenendo una sigaretta accesa.
Fatto sta, che una volta smontato il carburatore, un fiotto di benzina probabilmente è schizzato dal serbatoio, raggiungendo il tizzone della bionda che in un battibaleno ha sprigionato una vampata di fuoco che ha attaccato gli abiti del 60enne.
L’uomo, urlando, si è catapultato fuori e si è gettato nella sterpaglia dove si è rotolato per spegnere le fiamme, operazione che fortunatamente gli è risucita.
Le urla disperate hanno richiamato l’attenzione della compagna che ha subito chiamato il 118. La centrale operativa di Romagna soccorso a Fontanelle ha subito mandato ambulanza, automedicalizzata e fatto decollare dall’eliporto dell’ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna, l’elisoccorso che in volo ha trasportato il ferito al centro grandi ustionati del Bufalini di Cesena dove è stato ricoverato con ustioni al volto, alle braccia e all’addome. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui