Riccione. La vigilante sventa il furto al supermarket

Coraggiosa vigilante sventa furto alla Conad delle Fontanelle. «Sono orgogliosa di quello che ho fatto e tornando indietro lo rifarei». Commenta con semplicità l’episodio di cui si è resa protagonista in via Catullo a Riccione pochi giorni fa la 42anne Elisa Sanseverino che da un biennio presta servizio per la Vigilar. «Un primo allarme è scattato alle 22.30, – spiega – ma pattugliavo una zona distante e quando sono arrivata ho trovato i carabinieri sul posto. Il vetro era spaccato e un sasso era ben visibile ma non era stato rubato niente», precisa. Qualche ora e la centrale la richiama intorno alle 14,45. Stavolta Elisa che si trovava a Misano «riesce a giungere di volata». A quel punto il foro nella vetrata «era enorme e – chiarisce – ne stavano uscendo due uomini carichi di prosciutti e liquori pregiati. Entrambi a viso scoperto, sotto ai cinquant’anni e d’origine slava». Abbandonata l’auto in mezzo alla strada, la vigilante corre verso la vetrina in frantumi arrivando «quasi insieme al responsabile del punto vendita che, chiamato a sua volta dalla centrale, ha assistito alla scena, allertando i carabinieri». Dei ladri Elisa spiega che «quello più agile e piccolo è riuscito a scappare appena mi ha vista». Mentre il complice che lo seguiva attraverso l’apertura, ha trovato la vigilante che gli si è parata davanti: «Alto e lento com’era, ha dovuto rinunciare, perché l’ho fermato, intimandogli di non muoversi». Per tutta risposta l’uomo le ha detto: «Stiamo portando via tutto», in tono di sfida. «Questo lo dirai ai carabinieri – ha risposto Elisa mantenendo il sangue freddo – ma nel frattempo non ti muovi da qui». Ora esclude che ci fosse un terzo componente della banda a fare da palo aspettando in auto ed ipotizza che la refurtiva abbandonata sul posto consista «quasi in un migliaio di euro». Intanto dopo la nottata d’alta tensione dichiara: «Continuerò a fare il mio lavoro al meglio che posso e finché me lo permetteranno. Se succederà un’altra volta, noi vigilantes saremo pronti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui