Riccione: l’imbianchino spacciatore arrestato con 90 chili di droga

Maxi operazione dei carabinieri di Riccione che hanno sequestrato oltre 90 chili di droga e 60.000 euro in contanti. I militari si erano messi sulle tracce di un marocchino 34enne ufficialmente imbianchino, con precedenti per spaccio di droga, dichiaratosi venditore per hobby di autovetture: ad insospettirli alcune fotografie che  aveva postato sui propri canali social ed in cui faceva sfoggio di auto di grossa cilindrata, mazzette di banconote e capi firmati di abbigliamento. Dopo avere monitorato diversi incontri tra l’uomo e altri pregiudicati, martedì lo hanno visto incontrarsi in centro con una persona che, salita per pochi minuti sulla sua auto, si è poi allontanata. A quel punto hanno deciso di fermarlo: il 26enne tunisino, al quale sono stati chiesti i documenti,   ha tentato di sottrarsi al controllo  e di scappare, coinvolgendo i carabinieri, – all’ombra dell’arco di Augusto – in un vero e proprio corpo a corpo conclusosi con l’immobilizzazione del giovane e qualche contusione per un carabiniere. Sottoposto a perquisizione sul posto, il giovane è stato trovato in possesso di 1 chilo e mezzo di hashish, che i carabinieri hanno compreso essergli stata poco prima ceduta proprio dal marocchino. I militari hanno così deciso di perquisire l’abitazione dell’imbianchino trovando, in tre auto parcheggiate nei pressi dell’appartamento, la droga. Sono 75 i chili di hashish sequestrati e 20 quelli di marijuana, uno dei quantitativi più imponenti mai sequestrati dai carabinieri riccionesi, ora impegnati nel tentativo di ricostruirne il canale di approvvigionamento di tutta la sostanza.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui