E’ stato fermato poco dopo il confine nord, l’automobilista sammarinese sanzionato venerdì sera dalla polizia locale di Riccione per aver violato le disposizioni del Dpcm che impone nelle regioni classificate con il colore giallo, il divieto di uscire di casa senza motivazione e senza autocertificazione. Il cittadino sammarinese, alla pattuglia della polizia locale che l’ha fermato, ben oltre le 23, ha detto di essere di ritorno in quel di San Marino dopo essere andato a casa di amici a Rimini per festeggiare un compleanno. Motivazione, evidentemente, non inserita in quelle previste dal Dpcm. Si ricorda che si può uscire di casa dalle 22 in poi solo per motivi di salute, di lavoro e urgenza. Per il cittadino sammarinese è quindi scattata la sanzione con maggiorazione come prevede la norma. Si noti bene – infatti – se, oltre ad essere fuori casa dopo le 22 senza giusta causa, si viene anche sorpresi alla guida di un’auto, la sanzione per legge viene maggiorata. Sabato sera, sono quindi scattate altre due sanzioni a carico di un cittadino uscito a fare una passeggiata a piedi e di un automobilista fermato da una pattuglia. Entrambi erano fuori casa senza autocertificazione. 

In tutto, nel weekend, la polizia locale di Riccione ha controllato 39 persone, di cui 19 venerdì e 20 sabato, di questi la maggioranza aveva ottemperato all’obbligo della autocertificazione. 

I controlli nel fine settimana, hanno riguardato anche le attività. La polizia locale ha infatti verificato l’applicazione dei protocolli per contrastare la diffusione del Covid-19 da parte di negozi, bar, ristoranti e vari pubblici esercizi. In primo luogo, la polizia locale ha verificato il rispetto degli orari di chiusura per cui la maggior parte dei controlli si è concentrata dopo le 18, ora in cui i pubblici esercizi, devono chiudere. Costanti controlli continueranno anche sull’affissione all’esterno delle attività – compreso i negozi quindi – della capienza massima del locale. Oltre 40 le attività controllate, tutte al momento risultano essersi adeguate alla normativa vigente. I controlli continueranno anche per quanto riguarda gli assembramenti sia nei luoghi pubblici, strade, piazze e parchi, sia per quando riguarda nelle attività, ricordando agli imprenditori il ruolo attivo che devono avere per fare rispettare le regole. 

“Il contrasto all’epidemia passa anche attraverso i controlli predisposti dalla polizia locale – ha detto il sindaco di Riccione, Renata Tosi -. Credo che in questo momento, rispettare le regole sia la vera garanzia di riuscire a mantenere la zona gialla, che per noi significa arrivare in prossimità delle festività di Natale con la possibilità di lavorare, di mantenere aperte le attività e i confini della Regione. Al momento vedo da parte dei riccionesi e delle nostre attività un gran senso di responsabilità e di comprensione del difficile momento che stiamo attraversando. Come amministrazione avevamo annunciato che i controlli ci sarebbero stati così come continueremo a credere e spingere affinché a Natale si possa lavorare, si possano aprire le seconde case, si possa riprendere parte di quella normalità che ci siamo guadagnati quest’estate”. 

Argomenti:

multe

polizia

riccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *