Riccione. Il team di Life Delfi alla ricerca dell’algoritmo che può salvare i delfini

Un team di esperti in azione al parco Oltremare di Riccione per registrare più di 24 ore di vocalizzi di sette tursiopi e i loro comportamenti alimentari. Lo scopo finale? Ottimizzare i dissuasori acustici che allontanano i cetacei dalle reti da pesca per evitare spiacevoli sorprese per loro in natura. 
I Ricercatori del Cnr-Irbim di Ancona, con la collaborazione del Dipartimento Didattico Scientifico di Oltremare e dello staff di addestratori e biologi, hanno registrato per oltre 24 ore le emissioni sonore e il comportamento dei delfini presenti nel parco: 5 esemplari di tursiope femmine e 2 maschi. 

Il lavoro del gruppo di ricerca permetterà di riuscire ad individuare l’algoritmo giusto per settare i pinger di Life Delfi, il progetto europeo che ha l’obiettivo di ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale. Lo scopo dello studio, condotto presso il parco Oltremare e a bordo di imbarcazioni di pesca commerciale, è quello di sviluppare algoritmi che consentiranno di rilevare anche in ambiente marino la presenza di delfini. Il fine ultimo sarà quello di sviluppare dissuasori acustici più efficienti e in grado di attivarsi solo in presenza di delfini, in modo da ridurre sia l’inquinamento acustico in mare che la possibilità di abituazione dei delfini ai segnali sonori emessi dal pinger, cosa che generalmente rende inefficaci questi strumenti nel lungo periodo. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui