Riccione. I ricordi su don Giorgio in un libro che esce oggi

Il “suo popolo” è l’autore del libro dedicato a don Giorgio Dell’ospedale. La figura e i ricordi sul parroco sono stati racchiusi in un libro di oltre 200 pagine e più di 30 foto, che sarà distribuito a partire da oggi. La pubblicazione si intitola “Caro don… ti scrivo” ed è stato realizzato dai fedeli per i quali la figura di don Giorgio era un riferimento. «Appena il giorno dopo la sua morte ogni volta che ci si incontrava tra amici venivano fuori tanti ricordi, e ci siamo detti che non potevano andare perduti», spiegano i portavoce dell’iniziativa, Saul Bazzotti e Cristiano Foschi. «Anche il vescovo Francesco Lambiasi ce lo ha ripetuto durante la funzione funebre. Così abbiamo iniziato a scrivere quello che avevamo nel già nel cuore». Da subito dopo la scomparsa del prete a causa del Covid, la parrocchia ha aperto un indirizzo mail a cui tutti potessero scrivere il proprio messaggio di cordoglio, non potendo le persone incontrare in questo periodo di restrizioni per ragioni sanitarie. «Ne sono arrivati tantissimi, centinaia e centinaia, di quanti hanno voluto scrivere la propria testimonianza per cosa rappresentava per loro il don – proseguono i portavoce -, una ricchezza tale che abbiamo pensato che non potevamo tenerla solo per noi. Quindi abbiamo deciso di fare un libro». Il gruppo di lavoro è partito all’opera, «in maniera spontanea, c’è stato chi aveva le foto, chi ha scritto, chi ha fatto la grafica. È stato comunque subito chiaro che non volevamo fare un ricordo nostalgico su una persona che una volta c’era e adesso no, sarebbe triste. Ma semplicemente è un modo per riflettere e arricchirsi, e perché don Giorgio non venga dimenticato e possa continuare a vivere. Don Giorgio infatti in tutto quello che faceva e annunciava non ha mai rimandato alla sua persona, mail rimando era sempre a Gesù Cristo».

Il risultato è un volume «che va al di là del nostro pensiero dell’inizio. La prefazione è curata dal vescovo, che in tutto questa vicenda è stato di una grande paternità». “Caro don… ti scrivo” sarà distribuito a partire dalla messa di sabato alle 18 alla Pentecoste. «Il ricavato sarà in parte destinato all’opera della Caritas parrocchiale e in parte lo utilizzeremo per iniziative future per mantenere viva la figura di don Giorgio».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui