Riccione. I bagnini: sarà grande estate ma c’è l’incognita Sputnik

Sotto il sole di Riccione, l’estate degli stabilimenti balneari, a dispetto della situazione non certo facile, sta registrando un crescendo di prenotazioni e punta su un luglio e agosto da pienone. Non mancano però le incognite: dai turisti russi vaccinati con lo Sputnik, ai giovani e giovanissimi con le disco chiuse.

I turisti da Mosca

A sollevare i dubbi proprio sull’arrivo dei vacanzieri da Mosca e dintorni è Enrico del Bagno 61, che collabora con radio Deejay e non ha dubbi: «Fossero previsioni meteo direi: nubi sparse con probabili schiarite». Già perché «i turisti russi in standby: scalpitano per tornare, ma si sono vaccinati con lo Sputnik, che non è riconosciuto dall’Ema». Aggiungendo che l’intoppo «non è questione da poco», visto che in «bassa stagione costituivano quasi metà della clientela». Senza contare un altro aspetto piuttosto rilevante, ovvero che «spesso restavano minimo un mese: invece niente, per ora s’è riaffacciato in Riviera solo qualche tedesco».

Nuovi arrivi e affezionati

Le previsioni però sono incoraggianti. Il presidente della Cooperativa della Perla verde, Diego Casadei, sottolinea: «Riscontriamo prenotazioni importanti da metà giugno in poi. In generale arriveranno più villeggianti italiani che stranieri, ma distribuiti alla pari tra clienti nuovi o affezionati». Così dalla Playa del sole confermano che «la stagione è partita con il “ponte” del 2 giugno e premerà sull’acceleratore dopo la fine delle scuole. Restiamo certi – aggiungono – che s’andrà sul sicuro, senza problemi».

Tedeschi già arrivati

Analoghe indicazioni al Bagno 70 dove si rileva la presenza di «molti italiani, in primis famiglie, con qualche turista tedesco in più rispetto agli scorsi anni». Turisti di lingua tedesca avvistati anche presso il Lido delle sirene, 101-102, «specie in corrispondenza della festa di Pentecoste». Così da far commentare al titolare: «Prenderemo di che vivere anche quest’anno e del resto abbiamo la salute e il mare cristallino». Intanto svizzeri e tedeschi sono approdati anche alla Spiaggia 32, che può contare «sulla gente del posto e registra dati migliori rispetto al 2020». Al Marano beach le prenotazioni «sono partite in sordina per il tempo incerto, vanno crescendo». Stessa frequenza di pensiero alla Spiaggia del cuore 110 , che ospita nel post Covid un turismo «prettamente italiano, con la fascia degli stranieri che, già assottigliata negli anni, ora è ristretta agli habitué tedeschi con qualche francese in agosto».

Nuove leve e attività da far girare

Ma dalla Spiaggia 130 sono dubbiosi sulle presenze dei ragazzi «se non riapriranno le discoteche per fare ballare», pur confermando il trend confortante, «specie per gli italiani». Il pienone ad agosto è invece una certezza per i Bagni Battarra & Settimio, sia per «la presenza di svizzeri che italiani, ma in generale l’andamento se il meteo sarà clemente tutto migliorerà sin dal 20 giugno». In linea per agosto La spiaggia delle donne, mentre i Bagni 120 parlano di un giugno ancora difficile da inquadrare, perché «caratterizzato da weekend mordi e fuggi, con presenze per l’80% provenienti dal nord-est». Ma ipotizzano che si confermerà «il boom delle new entry». E spiegano che «il ritorno dei giovanissimi è essenziale, perché sono proprio le nuove leve che fanno girar le attività come il chiringuito in spiaggia, creando tendenze». Infine uno dei soci del Samsara Beach, Rocco Greco, parla di «dati al livello del 2019 con prenotazioni a raffica anche da Svizzera e Germania. Tant’è che bisogna chiudere le prenotazioni bollenti del weekend tre giorni prima».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui