Conosce la differenza tra il circuito e la strada e infatti viene descritto come un automobilista disciplinato e prudente. L’altra notte però il giovane pilota riccionese Lorenzo Gabellini (campione italiano di motociclismo nella classe Supersport 600 con esperienze anche nel mondiale di Superbike) è incappato in una piccola disavventura che non è riuscito a gestire con la freddezza dimostrata in pista. Ha infatti rivolto un applauso sarcastico ai carabinieri che gli hanno ritirato la patente di guida, dopo averlo scoperto positivo all’alcol. «Bravi, bravi, ma avete capito chi sono?», avrebbe aggiunto il campioncino romagnolo, condendo il suo disappunto con qualche parola di troppo. I militari lo hanno denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale.

La notte “no” del ventunenne ha inizio in viale Vespucci, a Rimini. È alla guida di un fuoristrada Range Rover “Velar”, un macchinone che lui sa maneggiare bene. Eppure, i carabinieri lo vedono sbandare leggermente, senza conseguenze né per lui, né per gli altri. È la ragione per la quale viene fermato e sottoposto al controllo. Il pilota spiega che non è stata colpa sua (è probabile che un altro veicolo in manovra lo abbia costretto a sterzare bruscamente). Non può però, ovviamente, opporsi alla verifica del tasso alcolemico. Spera che tutto si risolva in una formalità, anche perché sostiene di non avere bevuto quel bicchiere di troppo che può complicare la vita quando si tratta di soffiare sull’etilometro. E invece la prima prova dà esito positivo. La speranza è che la seconda, complice anche il trascorrere di qualche minuto, possa risultare favorevole al conducente. Invece non è così, sebbene davvero per un soffio. L’etilometro stavolta segna un tasso alcolemico di 0,51 grammi per litro. Un nonnulla sopra il limite, decisamente basso ma considerato fondamentale per garantire la sicurezza degli utenti della strada. Quello “zero virgola” di troppo cambia le carte in tavola: invece di congedare il pilota con una stretta di mano i carabinieri del radiomobile gli comunicano il ritiro della patente (ne farà a meno per almeno tre mesi, pagherà una sanzione amministrativa). E Gabellini perde le staffe: applaude i militari. «Preferisco non commentare la vicenda» spiega al telefono il talentuoso pilota riccionese.

Argomenti:

alcol

gabellini

riccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *