“Riccione è la mia casa”, da oggi Mehdi è cittadino italiano

“Posso andare dappertutto nel mondo ma tornerò sempre qua: Riccione è la mia casa”. Mehdi Sobhi,  un ragazzo di 28 anni, occhi scuri e liquidi, sorriso contagioso, un accenno di barba, da oggi venerdì 4 novembre è un cittadino italiano, “orgogliosamente riccionese”. Giovedì pomeriggio ha giurato “di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato”, secondo la formula di rito, di fronte alla sindaca Daniela Angelini, nella sala di rappresentanza del Comune di Riccione. Se si è emozionato lì per lì non lo ha dato a vedere ma alla fine lo ha confessato: “E’ un momento importante”.

Subito sugli scivoli

Era arrivato da Casablanca, in Marocco, 17 anni fa. Diventare riccionese gli era risultato particolarmente semplice: “Mi hanno portato subito all’Aquafan: uno spettacolo. Arrivando in un pullman avevo visto il parco dai finestrini: non poteva cominciare meglio la mia nuova avventura, qui in Romagna”. Pochi giorni dopo si era fatta più dura per Mehdi: “A scuola non ci capivo nulla. Non conoscevo una parola di italiano. Sentivo un gran vociare senza riuscire a interagire”, racconta ancora il neo cittadino italiano. Non si è mai perso d’animo, anzi. La prima media l’ha frequentata alle “Manfroni”. Poi, dopo la chiusura, si è trasferito alle “Pascoli”. Quindi il Perito Turistico “Marco Polo” a Rimini e la facoltà di Scienze politiche a Urbino che “però non sono riuscito a completare: mi ero tenuto indietro qualche esame tosto di troppo… ”. 

“Ora la mia vita sarà più semplice”

Ora fa il cameriere in un ristorante sul mare a Rimini, “ma – scherza – è meglio Riccione”. Come cambia da oggi la mia vita? Sarà più facile. Mi sono sempre sentito italiano ma non essere cittadino italiano mi ha costretto a incombenze burocratiche anche pesanti: il continuo rinnovo dei documenti e del permesso di soggiorno, i viaggi al Consolato di Bologna”. 

A Riccione racconta di non essersi mai sentito uno straniero: “Sono arrivato a undici anni ma in fretta ho costruito amicizie e legami con quella che è stata da subito la mia città. Le mie radici le ho piantate qui. L’arabo, che pure è stata la mia prima lingua, ora lo parlo ancora ma con difficoltà: quando dialogo con i parenti fatico a ricordare i vocaboli. Dopo 17 anni di lontananza credo sia normale”. Il padre era arrivato qualche anno prima di Mehdi, che poi lo ha raggiunto qui a Riccione insieme alla madre e alla sorella che ora ha 32 anni. “Sono nato e ho vissuto i primianni di fronte all’oceano, trasferendomi non avrei potuto fare a meno del mare: per fortuna a Riccione c’è e c’è anche tanto altro. C’è tutto. Ho viaggiato molto e lo farò ancora ma per me Riccione è speciale, a misura d’uomo, è tutto raggiungibile a piedi o in bicicletta. L’ho detto: posso andare dappertutto ma questa resterà la mia casa e qui ritornerò sempre”. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui