Riccione. Danni all’ambiente: premio Attila del Wwf al sindaco Renata Tosi

Premio Attila del Wwf, destinato a chi si è particolarmente distinto per i danni all’ambiente, attribuito per il secondo anno consecutivo al sindaco di Riccione Renata Tosi. “I numeri, non c’è che dire, sono dalla sua parte. Quest’anno il de profundis è toccato a circa 400 piante, alberi per lo più di alto fusto, pluridecennali, adulti e per lo più sani: Via Ferrara e limitrofe  n° 174 platani, Via Tagliamento n° 85 platani, Zona Circolo Tennis (lato SS16) 28 cipressi, Via Veneto n° 12 platani, Via Finale Ligure- Bologna (in fase di avvio) n° 33 alberi ( Robinie, pioppi, aceri)Di media grandezza: Parco delle Stelle San Lorenzo : 45 alberi (allori, alberi di giuda, prugni, aceri)” scrive il Wwf nell’annunciare l’assegnazione del premio.

“Le compensazioni effettuate o in programmazione scrive ancora il Wwf – sono assolutamente impari ed inique  rispetto alla qualità degli abbattimenti effettuati. A Riccione si tagliano alberi ultra 60enni, per lo più sani,  e si compensano in numero eguale (se non minore) con alberelli di appena  qualche anno di età, senza calcolare in alcun modo il danno ambientale che si produce in termini  di minor apporto  ossigeno-assorbimento Co2.  Invece di salvaguardare si preferisce tagliare e buttare, alimentando una cultura usa e getta del Pianeta, come se gli alberi non fossero esseri viventi  che impiegano decenni prima di svolgere al meglio le proprie plurifunzioni sulla biodiversità e sulla qualità del verde urbano”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui