Riccione. Coma etilico, quindicenne sviene in viale Ceccarini

Era svenuta a terra con l’amica vicino che non è che stesse tanto meglio. In questo stato sono state trovate due ragazzine di soli 15 anni da una pattuglia della polizia municipale che in quel momento stava passando fortuitamente lungo la strada. L’episodio risale a qualche giorno fa, durante un pomeriggio non certo tranquillo per le protagoniste dell’allarmante vicenda. Le quindicenni, entrambe della zona, una riccionese e una di un comune vicino, hanno deciso di bere tanto per mandare una di loro in coma etilico e l’altra in un evidente stato di alterazione. Erano circa le 17 in via Virgilio, all’angolo con viale Ceccarini, quando i vigili di servizio hanno notato la giovane sdraiata sul selciato e che quindi qualcosa non andava. Prontamente le divise hanno chiamato il personale del 118 e le due minorenni sono state portate subito al pronto soccorso dell’ospedale Ceccarini. Una di loro è stata dimessa in tarda serata dopo aver accertato lo stato di buona salute, mentre l’altra, quella che era svenuta, è stata ricoverata in osservazione fino al giorno seguente. Di entrambe sono stati contattati i genitori per informarli dei fatti e, in quanto le ragazzine sono minorenni, la loro presenza è stata necessaria durante l’interrogatorio fatto dagli agenti per ricostruire l’accaduto. Quello dell’abuso di alcol, anche tra i giovanissimi, è un fenomeno che come raccontano i fatti di cronaca è sempre più diffuso e di certo non solo a Riccione. «In estate, con la presenza di numerosi turisti da tutta Italia purtroppo è molto frequente vedere minorenni bere alcolici – racconta il comandante del corpo intercomunale di polizia locale, Achille Zechini -, in inverno la percentuale è quindi ridotta, ma capita come dimostra questo particolare episodio. Il fenomeno è diffuso, non riguarda solamente i ragazzini del posto, ma in generale tutti». E questo non può che suonare come un campanello d’allarme che istituzioni e famiglie non possono ignorare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui