Riccione, allacci abusivi nell’ex colonia in zona Marano: ingressi murati

Riccione, allacci abusivi nell’ex colonia in zona Marano: ingressi murati

RICCIONE. Ex colonia Reggiana occupata e con allaccio abusivo: la polizia municipale l’ha sgomberata e il Comune ha murato tutti gli ingressi. Ma non è il solo caso. Alle prime luci dell’alba di ieri i carabinieri, in collaborazione con il personale della polizia locale intercomunale, hanno avviato uno specifico servizio di controllo del territorio per il contrasto della criminalità, contro i reati al patrimonio, spaccio di droga e immigrazione clandestina. Hanno monitorato alcune ex colonie in stato di abbandono in zona Marano: il controllo ha permesso di identificare 12 individui, tra cui rumeni, senegalesi e marocchini regolarmente presenti in Italia, trovati all’interno degli edifici in condizioni igieniche precarie.

Cavo di fortuna collegato

La ex colonia Reggiana, dalla seconda metà del 2019 è tornata di proprietà del Comune. Gli agenti della polizia locale hanno allontanato dallo stabile già dichiarato inagibile, 4 persone: 3 uomini, un 60enne che risulta residente a Rimini, un 69enne originario del Napoletano, residente a Bologna, colpito da foglio di via, un cittadino italiano di origine marocchina di 38 anni coniugato con una donna residente nel pesarese e infine una donna cittadina italiana di origini polacche di 37 anni. I quattro, già diverse volte, sono stati invitati a lasciare la colonia Reggiana, dalla polizia locale che ieri mattina ha anche constatato come nello stabile fosse stata portata l’energia elettrica con un cavo di fortuna collegato a un impianto esterno. Dopo lo sgombero, la Geat ha provveduto a murare le possibili vie d’accesso all’ex colonia.

Trovato con la droga

A Misano invece i carabinieri nella notte tra martedì e mercoledì hanno arresto un 27enne albanese per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, domiciliato in provincia, nullafacente. I carabinieri stavano sottoponendo a controllo l’auto con alla guida il giovane indagato che, alla vista dei militari ha mostrato subito un atteggiamento sospetto. I militari hanno quindi eseguito una perquisizione personale e del veicolo che ha portato al rinvenimento di cinque grammi di cocaina, in parte già suddivisi in dosi e predisposte per la vendita. A casa del ragazzo i carabinieri hanno trovato ulteriori cinque grammi della stessa sostanza nonché il materiale per il confezionamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *