Respinto il ricorso, l’ex infermiera di Lugo resta in carcere

L’ex infermiera Daniela Poggiali resta in carcere. La Cassazione ha infatti confermato la misura cautelare per “pericolo di reiterazione del reato” disposta il 24 dicembre dell’anno scorso, alla vigilia di Natale, dal giudice Janos Barlotti, in seguito alla condanna a 30 anni di carcere per la morte del 94enne Massimo Montanari. L’uomo era l’ex datore di lavoro dell’allora fidanzato della Poggiali e morì il 12 marzo del 2014 nella sua stanza d’ospedale all’Umberto I di Lugo, il giorno prima delle dimissioni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui