GAMBETTOLA. Era latitante da otto anni e mezzo. Lo hanno identificato e arrestato i carabinieri di Gambettola e ora è rinchiuso in carcere a scontare la pena. Le manette sono state fatte scattare venerdì scorso ai polsi di un 50enne, albanese, residente a Rimini, regolare in Italia, con un lavoro e una famiglia che non facevano gravare alcun tipo di sospetto su di lui. Anche se ad agosto prossimo sarebbero stati 9 anni dal passaggio in giudicato delle sentenze a suo carico. I carabinieri di Gambettola nel corso del quotidiano controllo del proprio territorio di competenza (ultimamente rafforzato nella fascia pomeridiana e serale per prevenire e reprimere furti e rapine) avevano notato un’autovettura sospetta aggirarsi in una zona residenziale del centro.

Alla guida c’era il 50enne che dopo un’accurata consultazione del nominativo presso la banca dati in uso alle forze di polizia, è risultato destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 9 agosto 2011 dall’ufficio esecuzioni penali della procura generale della repubblica presso la Corte d’Appello di Firenze, a cui lo stesso era riuscito a sottrarsi per quasi nove anni.
Si tratta di un cumulo di pene per reati messi in atto in Toscana tra spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti ma anche ricettazione. Tutti reati che erano stati commessi nell’anno 2006. L’arrestato (difeso dall’avvocato Sonia Giulianelli del foro di Rimini) dovrà espiare la pena di 1 anno 9 mesi e 6 giorni di reclusione.
Una volta compilate a dovere le formalità di rito in caserma il 50enne è stato trasferito in una cella del carcere di Forlì.

Argomenti:

droga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *