Regione: la danza verso la riforma del settore

A un anno dalla chiusura, il mondo della danza e delle scuole può celebrare un grande passo in avanti. Giovedì 4 marzo la politica regionale dell’Emilia-Romagna ha posto le basi per ragionare concretamente attorno a un “Sistema danza”. Il 4 marzo 2021 la Commissione assembleare V dell’Assemblea legislativa regionale ha approvato all’unanimità la Risoluzione, e dunque un Documento che sancisce l’obbligatorietà a procedere per riformare il settore.

La strada è ancora lunga ma è già una conferma importante. La premessa si era già avuta lunedì 1 febbraio, durante una conversazione telematica con l’assessore alla Cultura Mauro Felicori, con Emma Petitti, presidente del Consiglio regionale, con Valentina Castaldini di Forza Italia e con Silvia Piccinini dei 5 Stelle che ha redatto il Documento.

C’era pure Rosanna Pasi che da oltre vent’anni preme perché il sistema danza faccia leva sulla formazione. Con la Federazione nazionale associazioni Scuole di danza (Fnasd) da un ventennio promuove progetti coreutici a partire dalla lettura di saggi e romanzi. «Lunedì abbiamo discusso su come organizzare un Tavolo regionale – dice Pasi – in grado di affrontare la rinascita delle scuole, e su come individuare i criteri di un sistema senza il quale ognuno fa da sé, senza arrivare a nulla».

La Risoluzione è stato il secondo obiettivo dopo quello del 16 settembre 2016: «Quel giorno il ministro della Formazione Patrizio Bianchi, oggi all’Istruzione, presentò al mondo della danza la qualifica di maestro di danza. Fummo stupiti della grande partecipazione, dal nord al sud, evidentemente era un tema sentito».

Il Documento approvato porta soddisfazione fra le centinaia di insegnanti di danza. A Rimini Roberta Pulito ha postato la notizia su Facebook: «Il 4 marzo la nostra Regione ha approvato alla unanimità la risoluzione sulla danza, per dare a insegnanti e scuole un riconoscimento ufficiale, dopo anni di grande impegno di Rosanna Pasi e di tanti di noi».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui