Reddito cittadinanza, a Lugo 10 furbetti con case e vincite on line

Tre di loro si erano “dimenticati” di inserire alcuni immobili di proprietà tra i beni intestati, altri quattro avevano attestato falsamente la propria residenza nel comune erogatore, un altro, in sede di autocertificazione necessaria alla richiesta del contributo, aveva omesso di inserire nel proprio reddito cospicue vincite al gioco on-line e altri due casi i soggetti si erano dichiarati disoccupati, mentre sono poi risultati aver svolto attività come dipendente “in nero”. E’ quanto emerso dalle indagini relative ai “furbetti” del reddito di cittadinanza condotte dai finanzieri della 1ª Compagnia di Ravenna e della Tenenza della Guardia di finanza di Lugo, i quali, nell’ambito delle ordinarie attività di contrasto alle indebite percezioni di erogazioni pubbliche, hanno avviato e concluso specifici controlli nei confronti di alcuni nuclei familiari percettori del sussidio, individuando 10 persone che, pur non avendone diritto, l’avevano riscosso per mesi cagionando un danno alle casse pubbliche di circa 100mila euro. All’esito dell’attività svolta, tutti sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Ravenna e alla sede dell’Inps territorialmente competente per la revoca della concessione del beneficio ed il recupero delle somme indebitamente percepite.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui