Ravenna, un toga party con centinaia di persone costa 8.000 euro di multa

Un toga party in stile “Animal House”, il celebre film degli anni 80 con John Belushi. La notizia circola sui social in maniera piuttosto discreta ma la cosa non sfugge alle forze dell’ordine, particolarmente attente in questo periodo ad eventi organizzati fuori dai luoghi a ciò dedicati, proprio nel tentativo di eludere i controlli. Inizialmente l’appuntamento è per venerdì sera, ma poi, causa maltempo, la festa viene rimandata al sabato. Il luogo scelto è il giardino di una casa di campagna in località Filetto di Ravenna. Quando arrivano le forze dell’Ordine (presente personale della Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri e Polizia Locale), vi sono moltissime auto parcheggiate e dall’abitazione giungono musica ad alto volume e luci colorate.

Il toga party di Filetto di Ravenna

Verrà accertata la presenza di circa duecento persone, molte assembrate e senza mascherina, intente a ballare, in quello che, a tutti gli effetti, sembra essere un locale da ballo all’aperto, con tanto di bar, bariste, pista da ballo e deejay. I ragazzi presenti, perlopiù giovanissimi, dichiarano di aver pagato dieci euro per poter accedere alla festa e che l’ingresso dava diritto a ricevere due drink. Alcuni di loro, seppur minorenni, avevano in mano drink alcolici.

La festa abusiva è stata subito interrotta e ora l’organizzatore, un ragazzo di vent’anni, a seguito degli accertamenti svolti, dovrà rispondere per aver organizzato un pubblico spettacolo senza autorizzazione, non aver impedito assembramenti, in violazione alla normativa Covid 19, aver somministrato bevande, alcoliche e non, in assenza di autorizzazione e regolarità sanitaria, nonché, in fine, per aver effettuato un’attività musicale senza titolo; il tutto per un totale che ammonta a circa 8.000 euro di sanzione.

Nel frattempo la Guardia di Finanza procederà ad ulteriori approfondimenti per valutare l’abitualità del “John Belushi ravennate” ad organizzare eventi a pagamento e per procedere alla tassazione dei profitti illeciti così guadagnati nel tempo.

Commenti

  1. …o forse l’ignaro cliente confida , a priori , nella serietà dell’organizzatore, traducibile in : ” se c’è una festa significa che si puo’ fare…”

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui