Ravenna, torna “Il tempo ritrovato”

Ritorna, a partire da questa sera, la rassegna letteraria Il tempo ritrovato, curata da Matteo Cavezzali: un ricco calendario di appuntamenti con i protagonisti della letteratura italiana contemporanea.
Giunta alla sua settima edizione, la rassegna organizzata dall’associazione Onnivoro ha portato a Ravenna autori di fama internazionale come Jonathan Safran Foer o Amélie Nothomb, e i protagonisti della letteratura nazionale, da Roberto Cotroneo a Michela Murgia, da Carlo Lucarelli a Nevio Spadoni e Eraldo Baldini, da Loredana Lipperini a Teresa Ciabatti.
Questa sera alle 18 alla sala Muratori della Biblioteca Classense aprirà la rassegna Alberto Rollo, che presenterà il suo nuovo romanzo Il miglior tempo, edito da Einaudi, in dialogo con Matteo Cavezzali. Autore teatrale, traduttore e romanziere, già direttore editoriale di Baldini&Castoldi e direttore letterario di Feltrinelli, Alberto Rollo vanta una carriera che ha esplorato quasi tutti gli aspetti della scrittura: collaboratore delle pagine culturali dell’Unità, di Repubblica e della Stampa, Rollo ha esordito nella narrativa nel 2016 con Un’educazione milanese, che gli è valso il Premio Alvaro-Bigiaretti, il Premio nazionale letterario Pisa e lo ha segnalato in finale ai Premi Strega, Stresa e Chianti. Fra gli autori che gli devono la notorietà, Alessandro Baricco e Simonetta Agnello Hornby, Antonio Tabucchi, Stefano Benni e Roberto Saviano. Esperto di letteratura anglo-americana, ha tradotto in italiano Truman Capote e Jonathan Coe, oltre all’autobiografia di Frank Capra “Il nome sopra il titolo”.
Per i prossimi appuntamenti, mercoledì 13 ottobre, sempre alle 18 nella sala Muratori, Manuela Mellini presenterà La strada si conquista. Donne, biciclette e rivoluzioni, storia dell’intreccio fra la bicicletta e il percorso dell’emancipazione femminile. Il 20 ottobre sarà Claudio Panzavolta a parlare del suo Al passato si torna da lontano. Una storia italiana, in cui racconta l’epopea di una famiglia italiana a partire dalla Seconda guerra mondiale. Matteo Codignola, il 27 ottobre, presenta Cose da fare a Francoforte quando sei morto, dedicato alla più importante fiera letteraria al mondo. Il ravennate Stefano Bon inaugura gli appuntamenti di novembre, mercoledì 3, con Così come sei, il racconto di una inconsueta storia d’amore. Carola Carulli, il 10 novembre, presenta Tutto il bene, tutto il male, uno sguardo originale sulla maternità. Chiudono il programma del mese altri due autori ravennati: Eugenio Baroncelli, il 17, con Libro di furti. 301 vite rubate alla mia, galleria di miniature filosofico-letterarie, e Matteo Cavezzali, il 24, con il suo nuovo lavoro A morte il tiranno, che racconta la grande storia a partire dagli attentatori al potere.
Ultimo appuntamento dell’anno, mercoledì 1 dicembre, con Marilù Oliva e il suo Biancaneve nel Novecento, uno sguardo su ciò che le famiglie non dicono, inserito nella storia del Novecento.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui