Ravenna, a sorpresa Pirro e Dovizioso al Ducati world di Mirabilandia

Ravenna, a sorpresa Pirro e Dovizioso al Ducati world di Mirabilandia

Evento a sorpresa a Ducati World, la nuova area di Mirabilandia dedicata alle Rosse di Borgo Panigale, dove ieri sera ha aperto al pubblico Desmo Race, il primo duelling coaster interattivo a doppio binario. A bordo di una moto biposto che simula la guida di una Panigale V4, è possibile sfidarsi lungo due tracciati paralleli per una gara testa a testa. Frenata e accelerazione sono nelle mani del guidatore che deve affrontare ogni curva domando il motore rombante. Tutti possono sentirsi dei veri piloti (età minima 6 anni e 120 cm di altezza) e vivere l’emozione di una corsa motociclistica.

Con una secret opening organizzata alle 23, di solito orario di chiusura del Parco, il pilota Ducati Michele Pirro è stato il primo ieri sera a provare l’attesissima attrazione. Fino all’1 di notte tutti i presenti hanno potuto sfidarsi sul tracciato di Desmo Race. Tutta l’area Ducati World è stata inondata da visitatori vestiti di rosso. Ai primi mille Desmo Riders è stata regalata una maglietta speciale a tiratura limitata per celebrare la serata.

“Come già in altre occasioni, Mirabilandia fa la storia, non la segue – dichiara Riccardo Marcante, Direttore Generale Mirabilandia. Desmo Race è un coaster unico al mondo, non solo per le sue caratteristiche tecniche (due moto che gareggiano lasciando al pilota la libertà di accelerare o frenare), ma soprattutto per le emozioni che regala a tutto il pubblico. Potevamo scegliere un coaster più alto e più lungo, abbiamo scelto una attrazione che permetterà a grandi e piccoli di divertirsi alla stessa maniera in sella ad una Ducati. Insomma, proprio come abbiamo sempre detto: non dovrai aspettare di diventare grande”.

Nei giorni scorsi il duelling coaster stato provato anche dal pilota ufficiale del MotoGP Ducati Team Andrea Dovizioso: “Desmo Race è davvero emozionante! Mi sono sentito come in sella alla mia moto: puoi accelerare e frenare proprio come si fa in una vera gara! Sono molto contento di essere stato il primo a provarla e mi auguro che tutti possano vivere la stessa esperienza”.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *