Ravenna, somministra cocaina alla figlia di 5 anni. Padre indagato

RAVENNA. Una bambina di 5 anni è stata portata d’urgenza da Ravenna all’ospedale “Sant’Orsola” di Bologna dopo avere assunto una dose di cocaina. E’ accaduto la vigilia di Natale quando il padre della bimba, un 40enne ravennate, le avrebbe somministrato per errore lo stupefacente, scambiandolo per un medicinale omeopatico contro la stitichezza. Ora l’uomo è indagato per lesioni gravissime.

La chiamata al 118

A dare l’allarme, chiamando i soccorsi, sono stati gli stessi genitori. La reazione della piccola dev’essere stata immediata, al punto da rendere evidente che la sostanza non era quella che si pensava di somministrare. Data la giovanissima età, i medici hanno deciso di trasportare la bimba direttamente a Bologna, dove è stata stabilizzata e tenuta sotto osservazione. Come da prassi, dalla centrale operativa dell’ Ausl è partita la segnalazione alla polizia di Stato. E’ intervenuta una pattuglia delle Volanti, mentre gli investigatori della squadra Mobile hanno portato in questura il padre della bimba per interrogarlo su quanto accaduto. La polizia Scientifica ha invece effettuato una perquisizione nell’abitazione, ritrovando l’involucro che conteneva la dose di droga.

Aperto fascicolo per lesioni

Dell’episodio è stato informato anche il sostituto procuratore di turno Stefano Stargiotti, che ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di lesioni gravissime. Sconvolto, il genitore avrebbe subito raccontato quanto accaduto, lasciando trapelare un contesto familiare in apparenza normale e senza parvenza di degrado. L’uomo ha spiegato che intendeva somministrare un medicinale con effetto lassativo alla bambina che non stava bene, e di avere notato solo dopo la reazione allarmante della figlia. Resosi conto dell’errore, ha avvisato subito la moglie, dando l’allarme.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui