Ravenna: s’indebita per comprare un’auto, le amiche la rivendono

RAVENNA. Erano amiche, o almeno così pensava. E fiduciosa della genuinità di quel rapporto, aveva deciso di acquistare un’auto che poi aveva affidato a loro. Per farlo aveva pure aperto due finanziamenti sul proprio conto. Appena tre giorni dopo, quello stesso veicolo era stato rivenduto a prezzo quasi dimezzato a un commerciante d’auto. Un’operazione che è costata per le due “amiche”, madre e figlia di 58 e 26 anni, il rinvio a giudizio con l’accusa di circonvenzione d’incapace e autoriciclaggio, alla luce di una serie di fatture false emesse per giustificare alla banca il cospicuo incasso ed evitare controlli.

L’articolo nell’edizione di oggi del Corriere Romagna

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui