RAVENNA. Sequestrato a Casalborsetti dalle Fiamme Gialle della Sezione Operativa Navale di Marina di Ravenna un potente motoscafo di un cittadino italiano, per evasione dei tributi dovuti sull’importazione.

In particolare, durante un’attività di ricognizione del litorale, una pattuglia del Reparto navale sottoponeva a controllo un autoarticolato che trasportava un’imbarcazione da diporto di nazionalità statunitense, risultata priva di documenti attestanti la proprietà del mezzo nautico. Gli accertamenti consentivano di risalire al possessore del natante, risultato fermo sul territorio italiano da alcuni anni, senza che fosse stata prodotta richiesta di sospensione dei termini di appuramento del regime di ammissione temporanea o di vincolo del bene ad un regime doganale definitivo. “La normativa doganale prevede, infatti, che un’imbarcazione proveniente da un paese extra Ue, possa sostare nel territorio comunitario, in regime di sospensione dal pagamento delle relative imposte, per un periodo massimo di 18 mesi trascorsi in quali o viene importata o altrimenti cade automaticamente in posizione di contrabbando” spiega una nota della Finanza.

Pertanto l’imbarcazione, un offshore “Baja Marine” di oltre 11 metri e dotato di due motori a benzina da 500 CV ciascuno, è stata sequestrata, per la successiva confisca, per evasione dell’Iva all’importazione ed il detentore segnalato per le attività di competenza all’Agenzia delle Dogane e Monopoli di Ravenna.

Argomenti:

CASALBORSETTI

ravenna

sequestro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *