Ravenna, sale la vendita di auto dopo la grande paura del lockdown

Con un incremento del 17,4%, la vendita di automobili nei primi sette mesi di quest’anno sta registrando nella provincia di Ravenna una piccola rinascita rispetto allo stesso periodo del 2020. Una crescita quasi scontata, se si considera che il lockdown dell’anno passato ha in pratica bloccato il settore per gran parte della primavera. Per gli addetti ai lavori, quindi, si tratta di una boccata di ossigeno e si può guardare al futuro con un certo ottimismo, anche grazie agli incentivi agli acquisti messi in campo dal governo dallo scorso agosto.

Se da una parte si sorride per la ripresa, dall’altro però si insegue il miraggio, per il momento davvero lontano, di raggiungere i numeri toccati nel 2019, con un calo del comparto del 20,7%. Ma se si pensa che nel 2020 (sempre rispetto al 2019) il crollo è stato pari a quasi un terzo (32,5%), la speranza è che comunque la curva delle vendite sia tornata a risalire. Analizzando i dati aggiornati in tempo reale sul “Portale dell’automobilista”, che registra giorno per giorno le immatricolazioni (quindi non solo il mercato del “nuovo”, ma anche dell’usato), nel territorio ravennate da gennaio a luglio ci sono state 6.309 compravendite, contro le 5.372 dello stesso periodo del 2020, ma anche contro le 7.961 del 2019. L’anno scorso, anche grazie a una impennata in autunno, si chiuse a dicembre con 10.148 auto comprate, mentre nel 2019 si raggiunse quota 12.862.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui