Ravenna, la rinascita del Mercato coperto tra cibo ed eventi – VIDEO

Ravenna, la rinascita del Mercato coperto tra cibo ed eventi - VIDEO
Il Mercato coperto in un'immagine degli anni '70

RAVENNA. Dopo un lungo restyling, il prossimo 5 dicembre verranno tolti i veli al rinnovato Mercato Coperto uno degli edifici più belli ed amati del centro storico attivo dal 1922 nell’area che fin dal Medioevo ha ospitato gli scambi e le botteghe alimentari della città. Dopo i lavori di recupero e trasformazione condotti da Coop Alleanza 3.0, che comprendono anche la realizzazione di un negozio Coop, ed il nuovo allestimento e l’offerta curati da Molino Spadoni, questo spazio pieno di storia e di fascino si presenterà come un luogo ritrovato e anche come spazio innovativo dove fare la spesa di tutti i giorni, mangiare e incontrarsi dal mattino fino a tarda sera e dove assistere anche ad eventi e spettacoli. 

La riapertura del Mercato è stata presentata questa mattina nella Sala del Consiglio del Comune di Ravenna con una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco Michele de Pascale, il direttore di Area Romagna di Coop Alleanza 3.0 Antonio Bonucci e Leonardo Spadoni, amministratore delegato di Molino Spadoni, insieme alle istituzioni culturali della città e ai partner che hanno reso possibile la riapertura e collaboreranno alla nuova gestione.

Gli investimenti per riqualificare l’esterno e l’interno dell’edificio sono stati di oltre 13 milioni di euro, di cui 10,4 milioni di Coop Alleanza 3.0 per il restauro e l’adattamento funzionale e la realizzazione del punto vendita Coop e 2,7 milioni di euro di Molino Spadoni per l’allestimento degli spazi e la gestione. Il “nuovo” mercato sarà aperto tutti i giorni, dal primo mattino fino a tarda sera, e occuperà circa 40 persone. 

“Siamo giunti alla fine di un iter importante – sottolinea il sindaco di Ravenna Michele de Pascale – che ha coinvolto tutta la città e che ha creato grande attesa. Con questo intervento viene restituito a cittadini e turisti un luogo simbolo di Ravenna. Il suo recupero ha un valore che va oltre il restauro; ne restituisce l’identità originaria, arricchendola con nuove finalità contemporanee. L’edificio si trova proprio nel cuore di Ravenna, in una zona che negli ultimi anni si è arricchita di tante attività commerciali e di locali pubblici vivi e vitali. Il Mercato coperto sarà un grande contenitore polifunzionale che valorizzerà ulteriormente sia la rete commerciale legata all’esperienza enogastronomica, sia l’offerta culturale, avendo l’ambizione di essere non solo un luogo di acquisto, ma di incontro, scambio e relazioni e di conoscenza autentica del nostro territorio”.

“La Cooperativa restituisce a Ravenna il suo Mercato Coperto, un edifico storico simbolo della città, con un recupero che ne conserva lo spirito, ossia un luogo che i ravennati vivono tutti i giorni – dichiara Adriano Turrini, presidente di Coop Alleanza 3.0 -. Al tempo stesso il nuovo Mercato è uno spazio conviviale e culturale, dove incontrarsi, assistere ad un evento, mangiare, e scoprire le eccellenze del territorio. Ecco come la Cooperativa restituisce valore alla comunità”.

“E’ pura passione quella che ci ha guidato in questo lungo percorso – afferma Leonardo Spadoni, amministratore delegato di Molino Spadoni – nel quale, nonostante gli ostacoli e i complessi iter che abbiamo dovuto affrontare, siamo riusciti nell’intento di inserire contenuti unici e originali in questo meraviglioso edificio della nostra città. Ci ha guidati anche la costante ricerca della bellezza e del gusto. L’offerta enogastronomica e culturale sarà autentica nel pieno senso della parola, al pari degli elementi di arredo d’epoca che si potranno vedere a breve. Consapevoli della complessità della gestione di questa struttura, che non ha precedenti, cercheremo di offrire una estrema varietà di situazioni e alternative, per dare soprattutto ai ravennati l’occasione di vivere quotidianamente questo luogo, che abbiamo concepito come una grande piazza al coperto”.

Gli eventi
Gli eventi inaugurali uniranno cibo, cultura, convivialità e solidarietà, in vista del debutto del 5 dicembre. L’edificio novecentesco ha ora un nuovo ingresso su via Cavour che lo connette meglio al centro storico circostante, ed un nuovo primo piano all’altezza delle capriate, che ha portato la superficie complessiva a 4.000 metri. Il nuovo piano è accessibile grazie a una scala pedonale aperta, due scale di sicurezza, una scala mobile ed un ascensore centrale. All’ingresso, sono ‘tornati a casa’ la coppia di delfini, o pistrici, il grande gruppo scultoreo di pietra, simbolo di fortuna e ricchezza, che da sempre rappresenta il Mercato e la Casa Matha, l’antica corporazione medioevale dei pescatori. Per gli arredi e l’allestimento, Molino Spadoni ha scelto pezzi unici di antiquariato e modernariato che conferiscono al Mercato un’atmosfera ancora più calda, suggestiva e sorprendente, come una grande voliera in ferro battuto del secolo scorso trasformata in lampadario. La sera del 3 dicembre i dipendenti e i più stretti collaboratori di Coop Alleanza 3.0 e Molino Spadoni, saranno protagonisti della “Prova generale” prima dell’apertura, con una cena informale in cui si testerà la gestione operativa.

Il giorno dopo, la sera del 4 dicembre, si terrà “L’anteprima”: una serata a inviti in cui le istituzioni della città e tutti coloro che hanno contribuito alla rinascita del Mercato potranno scoprirlo, in un appuntamento conviviale condito da musica e solidarietà. Durante l’anteprima si esibirà l’eclettica band dei Musicanti di San Crispino e Linea Rosa – associazione che sostiene le donne vittime di violenza e i loro bambini – metterà all’asta 100 borse numerate, ciascuna unica e diversa dagli altre. Un’asta che chiude simbolicamente il cantiere nel segno del riuso, dell’economia circolare e della solidarietà. Le borse nascono infatti dal riutilizzo del grande telone stampato in pvc che ha decorato il cantiere del Mercato Coperto di Ravenna con un’opera fotografica di Enzo Pezzi e Nino Carnoli sui monumenti e i panorami della città. Sono state prodotte per Coop Alleanza 3.0 dalla Cooperativa sociale San Vitale che opera a sostegno della disabilità, dei minori con esigenze speciali e di adulti che necessitano di reinserimento sociale; i proventi dell’asta andranno a sostegno delle attività di Linea Rosa, che ha scelto come banditrice per la serata l’attrice Maria Pia Timo.

Il mattino seguente, il 5 dicembre alle 10,30, il taglio del nastro ufficiale che darà nuova vita al più antico mercato alimentare cittadino e ad un programma di eventi che, nei prossimi mesi, vedranno la collaborazione delle principali istituzioni culturali cittadine, come Ravenna Festival e Fondazione Ravenna Antica, oltre che degli enti di promozione turistica della città.

L’offerta all’interno
In piazza Andrea Costa il 5 dicembre si accenderanno anche le insegne di un “mercato nel Mercato”: quelle del punto vendita Coop dove, in 230 metri quadri, i clienti troveranno un assortimento di prodotti pensato per la piccola spesa quotidiana o per un acquisto ‘dell’ultimo momento’ ma di qualità. Nelle scansie fatte di materiali e finiture armonizzate con il resto della struttura, spazio all’ortofrutta tutta biologica sfusa e confezionata, specialmente di stagione, a salumi e latticini del territorio e a marchio Coop, fino ai prodotti surgelati. L’offerta è completata da prodotti non alimentari di uso quotidiano, come gli accessori per la telefonia, pile, lampadine, complementi per la cucina, la casa e cancelleria. La spesa potrà essere pagata in due casse tradizionali, e a seguire e presidiare le attività di vendita saranno 6 lavoratori di Coop Alleanza 3.0.

Tutto intorno, i chioschi di Molino Spadoni dedicati alla produzione, alla vendita ed alla ristorazione con le migliori specialità del territorio, con materie prime in gran parte prodotte direttamente nelle tenute Spadoni: il Banco salumi e formaggi, la Macelleria e griglieria, la Pasta fresca, la Piadineria, la Panetteria, focacceria e pasticceria, la Pescheria e coquillage, il Ristorante, lo spazio Succhi, estratti e centrifughe, la Caffetteria e gelateria. Quest’ultimo verrà gestito con la rinomata torrefazione romagnola Caffè Pascucci. Al primo piano si trovano l’Area cocktail-bar e piccola ristorazione, con tavoli e sedute, un ampio spazio dedicato a spettacoli, concerti, presentazioni ed eventi, l’area temporary shop ed un angolo libreria, gestito con la collaborazione di librerie.coop.  

Il bar e tutti i chioschi saranno aperti tutti i giorni, dalle 8 alle 24, e anche più tardi in serate speciali come il Capodanno; il supermercato Coop, fino al 6 gennaio sarà aperto dal lunedì alla domenica dalle 8 alle 21. I servizi generali della struttura sono affidati al Gruppo IGD.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *