Ravenna, rallenta l’inflazione, ma cresce il costo della vita

Rallenta l’inflazione in provincia di Ravenna ad aprile. Dopo sei mesi di aumenti continui, l’indice congiunturale (che analizza le variazioni mensili) dei prezzi legati all’abitazione cala dell’1,3 per cento. Il dato è diffuso dall’Istat e evidenzia un’inflazione mensile ad aprile dello 0,1%, il dato più basso dell’indice da giugno ad oggi. In calo, rispetto a marzo, anche le spese legate ai trasporti (-1,4%) mentre non accenna a fermarsi il costo degli alimentari, cresciuti dell’uno per cento ad aprile, e dei servizi ricettivi e di ristorazione saliti di altri 2,1 punti percentuali.

Annata nera

Anche se la corsa del costo della vita ha rallentato, il confronto con lo scorso anno resta comunque impietoso. Il costo della vita al netto dei tabacchi ad aprile 2022 rispetto al 2021 è aumentato del 6,2%, in linea con la media italiana. In un anno la spesa legata alla casa è salita del 24,6%: è soprattutto questa componente a far crescere l’inflazione. Molto alta, anche se non più a due cifre, il costo per i trasporti (9,1%) mentre sono cresciuti del 6,5% le spese nei bar e nei ristoranti, un’impennata evidentemente spinta dall’aumento del 6,1% degli alimentari. Intanto sono cominciati a crescere anche i prezzi di mobili e articoli per la casa: +4,6%. Si tratta di una voce che ha sempre conosciuto aumenti annui piuttosto contenuti, attorno all’1 per cento, ma da dicembre in poi si è cominciato a vedere un certo rialzo dei prezzi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui