Ravenna, piazze ancora interdette alle manifestazioni. I 3V protestano

RAVENNA – Sulla scorta di un analogo provvedimento risalente al mese scorso, le piazze del Popolo, dell’Aquila, Unità d’Italia e Luigi Einaudi saranno interdette alle manifestazioni pubbliche da domani, sabato 8 maggio, a domenica 30 maggio.

L’ordinanza firmata dal sindaco Michele de Pascale è finalizzata a contenere e contrastare emergenze sanitarie e di igiene pubblica ed è stata assunta al termine di una valutazione collegiale in seno al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunitosi ieri in Prefettura.

Protesta il Movimento 3V, che si oppone all’obbligo vaccinale: “Abbiamo saputo solo oggi pomeriggio dalla Questura che il sindaco ha emanato questa fantomatica ordinanza, visto che ad ora (19.15) non ne troviamo pubblico avviso. Anche la motivazione addotta della tutela della salute pubblica non trova nessun riscontro nella realtà dei fatti”. Ora, scrive il Movimento, “vogliamo una risposta chiara e precisa sulla modalità con cui ha preso questa decisione visto che: siamo in zona gialla; non si possono imputare aumento di contagi riconducibili a tutte le nostre precedenti manifestazioni né motivi di ordine pubblico,

la situazione epidemiologica è in costante miglioramento”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui