Ravenna, Petrosino il nuovo direttore operativo dell’Autorità portuale

Ravenna, Petrosino il nuovo direttore operativo dell’Autorità portuale

RAVENNA. Da responsabile comunale della Cna a direttore operativo dell’Autorità portuale. Mario Petrosino, 49 anni, torna nell’ente di via Antico Squero dopo 17 anni. Periodo nel quale, appunto, era andato a far parte dell’organico dell’associazione di categoria prima da responsabile del settore dell’autotrasporto poi, in seguito, come vertice comunale dell’intera struttura. Petrosino – che ha vinto il concorso per una figura rivoluzionatasi nel 2017 e che ora guida le aree riguardanti il demanio e l’intermodalità – sarà in servizio fino a stasera, quando nella direzione comunale dell’associazione di viale Alberti si deciderà il suo successore.

Con un post su facebook è stato lo stesso responsabile della Cna ravennate ad affidarsi al social per salutare gli associati assistiti negli oltre tre lustri di attività: «Da giovedì prenderò servizio presso l’Autorità di Sistema Portuale dove già avevo lavorato dal 1997 al 2002 – spiega Petrosino –. In questi giorni sto salutando tantissimi colleghi e imprenditori con cui ho condiviso anni impegnativi e complicati, ma anche bei momenti e soddisfazioni. Voglio così ringraziare ancora una volta tutte le persone che ho conosciuto durante questi anni, che hanno creduto nelle mie capacità e che mi hanno permesso di crescere sotto il profilo umano e professionale. Da ognuno ho imparato qualche cosa».

Ora Petrosino si impronta alla nuova esperienza: «Non tocca a me esprimere giudizi sul lavoro svolto, ma credo di poter affermare, con serenità, di averlo portato avanti con serietà e responsabilità (e tanto sacrificio) – spiega il responsabile uscente della Cna –. Da domani si apre un nuovo capitolo che scriverò con altrettanto impegno, trasparenza e umiltà. Un ultimo grande ringraziamento anche a chi mi è stato vicino in questi ultimi 18 mesi in cui ho deciso di affrontare, seppur non più tanto giovane, la sfida del cambiamento».

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *