Ravenna, un mare di rifiuti di plastica alla foce dei Fiumi uniti

RAVENNA. La foce dei Fiumi Uniti è invasa da un mare di rifiuti. I generosi e sempre più frequenti sforzi di associazioni e gruppi spontanei di cittadini, attraverso raccolte coordinate dei rifiuti, non riescono ad arginare l’inquinamento delle nostre spiagge e fiumi. A sottolineare l’emergenza è Legambiente che, a ridosso dell’inizio della stagione turistica, chiede un’ordinanza balneare, che vieti l’usa e getta in plastica, o un protocollo con gli stabilimenti balneari. I Volontari x Natura di Legambiente hanno eseguito, mercoledì scorso, un’indagine alla foce dei Fiumi Uniti per verificare ancora una volta la qualità e quantità dei rifiuti presenti. I controlli hanno portato all’individuazione di più di mille rifiuti in un’area di 100 metri per 20 metri. Il 97% degli scarti e del materiale rinvenuto è costituito da plastica.

I dettagli nel Corriere Romagna in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui