Ravenna, la polizia scientifica: “Ecco come è stata uccisa Ilenia Fabbri”

Al processo per l’assassionio di Ilenia Fabbri è il giorno dei testi della polizia scientifica, che hanno mostrato le immagini dei rilievi fatti nella casa di via Corbara. Dall’analisi delle tracce è possibile ricostruire tutta la dinamica dell’aggressione, iniziata nella stanza da letto della vittima al secondo piano e proseguita al piano inferiore, dove la 46enne è stata sbattuta a terra e poi verosimilmente trascinata nella tavernetta, dove è stata assassinata.
Impressionanti le immagini mostrate in aula, comprese le foto al cadavere di Ilenia, trovato in una pozza di sangue, con i piedi rivolti verso le scale e la gola tagliata, con i segni evidenti di una violenta colluttazione.

Il vocale dell’ex marito su “tutte le cose che bisogna fare”

Prima ancora delle deposizioni della scientifica, è stato ascoltato in aula il messaggio vocale che Nanni mando nel dicembre 2020 a Barbieri (poi cancellato e recuperato dagli inquirenti) nel quale informava il killer di essere in quarantena per covid e terminato l’isolamento si sarebbero visto per fare “tutte le cose che bisogna fare”

Hanno hanche deposto gli investigatori della squadra mobile, riferendo dell’analisi delle telecamere pubbliche e private, che tra il 20 gennaio e il 6 febbraio 2021 hanno immortalato l’ex marito Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri prima incontrarsi nel distributore adiacente all’autofficina del meccanico, ex marito della vittima, poi il giorno stesso dell’omicidio, il transito dell’auto del mandante nei pressi di via Corbara, preceduto dal passaggio del killer.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui