Ravenna, Italia Nostra manifesta per chiedere giustizia sul caso Berkan B

Italia Nostra aderisce alla manifestazione in programma giovedì 13 maggio a Roma davanti al Ministero della Transizione Ecologica in viale Colombo 44. Il nodo è la scottante vicenda ambientale del cimitero delle navi e della motonave Berkan B affondata al porto di Ravenna a marzo 2019 senza essere stata bonificata dai carburanti presenti a bordo. “Il “cimitero” – si legge nella nota – continua ad essere meta di curiosi che salgono a bordo dei relitti, ed al contempo, tra i rottami abbandonati, viene effettuata da parte di bande organizzate la pesca di frodo di molluschi destinati al mercato alimentare”. 

Il 17 maggio si deciderà per l’eventuale rinvio a giudizio per il reato di inquinamento ambientale dei vertici dell’Autorità di Sistema Portuale di Ravenna, così come dell’accoglimento delle parti civili, le associazioni A.N.P.A.N.A. – Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente, Legambiente Emilia-Romagna, N.O.G.E.Z. – Nucleo Operativo Guardie Ecozoofile, OIPA Italia OdV – Organizzazione Internazionale Protezione Animali, WWF Emilia-Romagna, ed Italia Nostra.  

Italia Nostra, inoltre, si associa al doppio presidio organizzato dal Collettivo Autonomo Ravennate in Piazza del Popolo a Ravenna in programma oggi a partire dalle ore 14.30 in occasione della commissione congiunta Ambiente e Porto, e davanti al Tribunale di Ravenna lunedì 17, dalle 9, per l’udienza preliminare del processo per l’affondamento della Berkan B.  

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui